Mercato settimanale, Messinese: “Provvedimenti severi per chi rompe e sporca”

Chi non si curerà di ripulire dove ha sporcato e di sistemare quello che ha rotto verrà sanzionato con relativo addebito dei danni.

È questa la posizione che l’amministrazione potrebbe assumere nei confronti dei venditori del mercato settimanale se le sanzioni per comportamenti scorretti non dovessero bastare.

Lo scenario nel quartiere Cittadella, dopo la fiera del martedì, è sempre tristissimo: grucce rotte, etichette di vestiti e biglietti con i prezzi gettati a terra, cartacce, resti di cibo, segnaletiche stradali buttate nel verde pubblico e marciapiedi praticamente distrutti.

Più e più volte i residenti in passato hanno già denunciato pubblicamente questa situazione, testimoniando l’incuria con foto e video. Adesso basta! Il principio è più o meno quello del “chi rompe paga”, così come dovrebbe essere, rispettando ovviamente la legge.

Intanto continuano i controlli della polizia municipale nell’area mercatale, sebbene i cittadini richiedano una maggiore vigilanza per scongiurare disordini, come avvenuto di recente.

Articoli correlati