Messinese: gli Rmi sono tutelati e i servizi garantiti. Chiarito l’equivoco con Scerra e Morinello

Non c’è nessun rischio di licenziamento dei lavoratori del reddito minimo d’Inserimento del Comunce di Gela, così come era stato annunicato qualche giorno fa dal consigliere comunale Salvatore Scerra. Sulla questione è intervenuto il sindaco Domenico Messinese. “Errate comunicazioni in circolo, sovrapposizioni e timori alla luce delle nuove normative hanno creato dei fraintendimenti sulla questione che riguarda i lavoratori del Reddito Minimo d’Inserimento al Comune di Gela”. Ha detto il primo cittadino dopo aver chiarito con il dirigente del Settore Servizi Sociali, Maria Morinello, ed il consigliere comunale Salvatore Scerra in merito a quanto avvenuto nei giorni scorsi. Oggi pomeriggio si è tenuto un incontro in cui hanno preso parte anche il vice sindaco Simone Siciliano e l’assessore ai Servizi Sociali, Licia Abela. “Appianati i presunti dissapori, risalta lo sforzo di tutti, nella volontà reciproca di tutelare gli operai e garantire i servizi alla città. Un impegno congiunto – ha concluso il primo cittadino – va riconosciuto agli uffici e un merito particolare va dato alla sensibilità del consigliere comunale Scerra che ha seguito la vicenda nel suo delicato percorso, senza dimenticare i contributi pregressi di chi si è speso nella vicenda Rmi, come ad esempio, il consigliere Carmelo Casano”.