Messinese: per il coordinamento quartieri sede di via Ossidiana. Nessun complotto

Per  la sede degli  incontri dei componenti del Coordinamento dei comitati di Quartieri abbiamo prospettato soluzioni alternative, come ad esempio i locali di via Ossidiana, nell’ottica della condivisione di beni collettivi già usufruiti da altre associazioni. Questo quanto sottolineato stamani dal sindaco Domenico Messinese nel corso dell’avvio del corso formativo sulla sicurezza e salute sul lavoro rivolto ai dipendenti comunali di Gela.  In queste ultime settimane molti uffici comunali sono interessati da lavori e adeguamenti, sollevati dalla Azienda Sanitaria Provinciale.
“Sin dal mio insediamento al Comune di Gela – ha detto  il primo cittadino – ho notato alcune carenze strutturali tra le più elementari negli uffici che ospitano centinaia di dipendenti municipali che erogano servizi a molti più cittadini gelesi. Gli immobili comunali non hanno seguito un piano di adeguamento e manutenzione costanti e questo, dopo che ce ne eravamo accorti noi, ci è stato sollevato anche da una ispezione dell’Azienda Sanitaria Provinciale. I lavori che in questi giorni stanno interessando diversi uffici comunali – ha spiegato Messinese – obbediscono ad una logica finora non tenuta in considerazione, in barba al rispetto che l’ente deve ai suoi impiegati e ai suoi concittadini”. 
Il coordinamento dei comitati di quartieri aveva comunicato lo sfratto dalla sede in cui si riuniva in quanto nei locali sono stati trovati suppellettili e documenti di vari uffici comunali. 
“Dei naturali disagi che ne conseguono — ha detto il primo cittadino- cci scusiamo con l’utenza, ma una parola voglio spenderla anche per quegli ospiti che oggi alzano la voce contro il Comune. Nel corso degli interventi di adeguamento e messa in sicurezza si è reso necessario smontare e traslocare arredi e documenti che, per logica ed economicità, ci è sembrato normale dislocare in altri vicini spazi di competenza comunale. Da tempo, in quest’ottica, avevo dato mandato al Settore Patrimonio di sensibilizzare in questo senso associazioni ed enti che occupavano gli immobili del Palazzo di Città. È una semplice scelta di lecita ottimizzazione, senza nessun’altra spiegazione complottistica”. 
Intanto oggi è partita anche la formazione obbligatoria dei dipendenti in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Tutti gli impiegati comunali  sono stati ospitati in due turni al Teatro Eschilo.