Messinese: basta ingerenza della politica sull’amministrazione. Finora ruolo ambiguo tra dirigenti e assessori

Vi è sempre stata un’ingerenza della politica sulla amministrazione, nel comune di Gela. Questo è quanto ha dichiarato il sindaco Domenico Messinese, stamani durante una conferenza stampa. “Ci siamo resi conto – ha detto Messinese – che i dirigenti erano subordinati a decisioni di tipo tecnico amministrativo, agli assessori. In poche parole vi era un ruolo ambiguo tra dirigenti e assessori. Ciò ha portato da parte dei dirigenti una minore propensione nel prendere decisioni, e meno responsabilità nel gestire in modo autonomo il ramo di loro competenza. ” Il primo cittadino ha affermato che anche nei rapporti con la cittadinanza vigeva questo sistema, nel senso che mancava un’interazione tra il pubblico e gli sportelli Urp, mentre regnava la relazione diretta tra politici e cittadinanza, ciò ha determinato che i cittadini per chiedere dei diritti, piuttosto che rivolgersi ad uno sportello preposto, lo faceva tramite il politico che conosceva. Ciò ha determinato il fermo degli sportelli di relazione con il pubblico, e una mancanza di controllo all’interno dell’amministrazione. “Sarà necessari o ristrutturare l’amministrazione, dove ha sempre regnato la poca attenzione per la crescita della città”, ha aggiunto Messinese. “Il supporto cartaceo è diffusissimo, protocollo multiplo e poca informatizzazione  hanno  richiesto un impiego eccessivo di forze” Ha aggiunto Messinese. “Nei prossimi  giorni attueremo delle rimodulazioni dei dirigenti, per dare direttive certe. Su determinate questioni vi sono state più parti del Comune interessati, e a ogni problema vi è sempre stato uno scarica barile di responsabilità”. Responsabilità precise e controlli precisi. Questo è il primo passo fondamentale  della giunta Messinese. “Se la macchina amministrativa funziona perfettamente, ed è performante darà servizi maggiori alla collettività e servizi consistenti  alla città di Gela”.

Tagged with: