Mezzi da guerra di fronte la Chiesa Madre: in ricordo dell’Operazione Husky

Mezzi storici della seconda Guerra mondiale di fronte la Chiesa Madre di Gela.

Iniziano in questo modo le attività a Gela in ricordo della Operazione Husky .

Sono trascorsi 75 anni dallo sbarco alleato avvenuto ella notte tra il 9 e 10 luglio 1943. Si è trattato del più grande sbarco anfibio mai tentato fino ad allora, impiegando nel solo settore di costa compreso tra le città di Gela e Scoglitti:580 navi da guerra e da sbarco, oltre a 1.124 mezzi anfibi, che sbarcarono due intere Divisioni (la 1a a Gela e la 45a a Scoglitti, per un totale di circa 40.000 uomini suddivisi in 27 battaglioni).

Quest’anno la città vuole commemorare anche i tanti soldati che hanno sacrificato la loro vita da ambo le parti credendo e obbedendo.