Migranti: dalla aggressione a Manfria, al tentato rapimento a Scoglitti. Interviene Forza Nuova

Forza nuova interviene sulle frequenti aggressioni da parte di immigrati che si sono verificate in queste ultime settimane, di piena estate. 
“Il tasso di criminalità relativa degli immigrati è circa sei volte quello degli italiani”. Afferma Forza Nuova. 
Nella notte di ferragosto, in una discoteca di Manfria, a due passi da Gela, un giovane è finito in ospedale, riportando un taglio al volto, dopo essere stato aggredito, secondo il racconto di numerosi testimoni, da perte degli ospiti del Cara di Villa Daniela, i quali, appena arrivati, hanno scatenato una rissa dopo aver molestato alcune ragazze del posto.
Nella stessa notte, ad Acireale, un minore nigeriano ha tentato di uccidere un coetaneo egiziano cercando di buttarlo giù da un balcone del centro di accoglienza che li ospitava a spese degli italiani.
Un clandestino indiano  nel pomeriggio di martedì, presso una spiaggia di Scoglitti, ha tentato di rapire una bambina di 5 anni; l’uomo, pluripregiudicato, dopo l’intervento dei genitori della piccola, è stato arrestato dai carabinieri, il tutto grazie anche all’aiuto dei bagnanti presenti.
“Episodi sconcertanti – afferma Forza Nuova – che mostrano in modo chiarissimo le gravi conseguenze di questa immigrazione selvaggia. Le istituzioni, anziché provvedere alla sicurezza, tradiscono gli interessi degli italiani e riempiono i centri di accoglienza per curare il business dell’immigrazione”.
“L’immigrazione clandestina -continua Forza Nuova-  è un flagello di cui l’intera classe politica, e il mondo dell’associazionismo ad essa legato, è responsabile, le sue conseguenze sono devastanti e non solo sotto il profilo della sicurezza”.
“Forza Nuova – conclude la nota – invita gli italiani alla protesta senza mezzi termini e ribadisce la necessità di invertire la rotta: chiudere le frontiere e provvedere ad un umano rimpatrio dei clandestini presenti sul territorio nazionale, potenziali reclute, oltretutto, per le organizzazioni terroristiche”.