Ministro Toninelli in Sicilia, M5S: “Chiederemo stato di emergenza per interventi su 180 strade provinciali siciliane”

“Chiederemo lo stato di emergenza per avviare entro un anno interventi su 180 strade provinciali siciliane”.

È questo il progetto del Movimento 5 Stelle che il vicepresidente dell’ARS Giancarlo Cancelleri ha illustrato a Palazzo dei Normanni al Ministro per le infrastrutture Danilo Toninelli, che si è mostrato d’accordo.

“Tra gli interventi del Patto per il Sud e quelli dell’accordo di programma – ha affermato Cancelleri – sono disponibili per le strade 290 milioni di euro, fermi perché manca la progettazione. Il modo per velocizzare tutto e fare aprire i cantieri nel giro di un anno è uno solo: chiedere la dichiarazione dello stato di emergenza per l’eccezionale stato di degrado delle strade provinciali e procedere alla nomina di un commissario straordinario che, in virtù dei suoi poteri speciali, possa bruciare le tappe e fare avviare prestissimo le opere che ormai non sono più rinviabili”.

Per portare in porto l’operazione il M5S ha messo a punto una mozione che impegni il Governo a chiedere lo stato di emergenza all’esecutivo centrale in virtù della condizione catastrofica di tantissime strade provinciali siciliane. “La situazione delle strade secondarie siciliane – ha continuato Cancelleri – è un unicum in Italia. Lo stato di emergenza sarebbe pertanto pienamente giustificabile, visto che parecchi Comuni rischiano di rimanere isolati, come già accaduto in passato”.

“La visita del ministro Toninelli – ha dichiarato la capogruppo del M5s all’ARS Valentina Zafarana – è il segno tangibile dell’attenzione che lo Stato ha nei confronti della Sicilia e per le condizioni veramente disastrate della viabilità, che ha bisogno di risposte immediate. È ovvio che le emergenze non si limitano solo al versante occidentale dell’isola, tant’è che il Ministro ha programmato a breve una nuova visita ispettiva nella Sicilia orientale”.