Movida gelese: da teatro di risse e sangue a luogo in cui diffondere il messaggio evangelico

Giovani cattolici in piazza per una nuova tappa di “Evangelizzazione di strada”, che raggiungerà proprio i luoghi della movida gelese, teatro troppo spesso di ring a cielo aperto che coinvolgono ragazzi di ogni età e che spesso sono finiti nel sangue e con la corsa al pronto soccorso.

L’iniziativa, promossa dal Movimento Giovanile San Francesco, presieduto da Concetta La Cedra, in occasione della manifestazione mondiale “24ore per il Signore”, promossa in città dalla Piccola Casa della Misericordia e dai padri agostoniani, mira a portare il messaggio evangelico proprio nei luoghi frequentati dai ragazzi. In programma una due giorni che prevede, oltre agli appuntamenti di adorazione e alle confessioni nella chiesa di Sant’Agostino, una via crucis nella stessa piazza e la “Notte di luce e di riconciliazione”, adorazione eucaristica con possibilità di confessioni. Attraverso canti, coreografie, riflessioni e testimonianze dirette sarà possibile meditare sul mistero della croce e su varie tematiche sociali quali la famiglia, la criminalità, la pedofilia, l’aborto, la dipendenza da droga e alcool, la violenza sulle donne, l’omicidio e la povertà. L’appuntamento è per venerdì 4 e sabato 5 marzo alle 22:30 in piazza Sant’Agostino.