Musumeci: Gela ha la materia prima per uscire dal cul-de-sac. Il suo giacimento è la quantità di reperti

Ha dimostrato di conoscere molto bene i problemi principali della città di Gela, città che “ha bisogno di riappropriarsi del suo protagonismo”.

Il presidente della regione Nello Musumeci è arrivato a Palazzo di Città verso le 10:00. Ha incontrato subito, presso l’aula consiliare i rappresentanti della città e i la stampa, dopo un breve colloquio con il commissario straordinario Rosario Arana.

“ Eravamo abituati alla vernice sulla ruggine, ai fuochi di artificio.” Ha detto il presidente nel suo discorso di apertura.

“Sono qui la prima volta come presidente per ascoltare. La città di Gela è nell’attenzione regionale. La regione é vicina alle esigenze della comunità, nessuno deve darsi illusione, i problemi sono tanti e non si risolvono subito, alcuni sono avviati a soluzioni. Sono prudente e non dico sempre Si, ed è per questo che da me riceverete solo riserve, sarò felice di ritornare a Gela con le certezze”.

Il presidente ha accennato alla situazione drammatica che sta vivendo la Sicilia, e Gela ne è testimone. “I suoi problemi atavici da decenni, la crisi del polo industriale, la fuga delle nuove generazioni, lo smarrimento culturale”.

 

“La città città ha materia prima per uscire del cul de Sac in cui si trova. Quando la stato abbassa la testa su Gela, riemerge la criminalità e noi dobbiamo schiacciare la testa alla criminalità”

Il presidente mostro orgoglio nella scelta del commissario Rosario Arena per Gela.

“Non a caso ho mandato a Gela un alto esponente della Finanza. Nomino sempre per le città senza sindaco ex prefetti, ex Commissari, ex questori, come garanzia per me che li nomino e per la città.”

“Abbiamo bisogno di portare il santo sopra le spalle, tutti dobbiamo contribuire allo sviluppo della città. La gestione commissariale per Gela é una opportunità”

Il presidente ha detto di porsi come obiettivo quella di risollevare questa “amata e distraziata terra che è la Sicilia”.

 

Non ho ambizioni politiche, non devo ricandidarmi, non sono succube dei consensi e posso dire di no” ha detto il presidente.

 

“Gela deve mostrare quale sia la sua idea di sviluppo. Diventa necessario formulare un piano strategico. Da paese agricolo, a industriale, ora la difficile fase di passaggio , di riconversione, che tipo di città vuole essere?”

 

“Bisogna puntare inizialmente su interventi sulla area industriale di Gela, che andranno al di là, si spera, dei 25 milioni di euro, ma Gela ha altri giacimenti che sono i reperti “. Per il presidente il turismo diventa una grande opportunità per Gela. Oggi prevista anche una sua visita al museo archeologico.<

 

“Tutto quello che sarà possibile fare viene fatto. Il giacimento c’è , sono i reperti, ed è per questo.
Su Gela previsti due incontri tematici a Catania, uno su area industriale e uno su sviluppo turistico con la presenza dei rispettivi assessori.

Tagged with: