Musumeci: Il furto del governo Crocetta al comune di Gela. Dove sono finiti gli 11 milioni per il centro storico?

“Ci troviamo di fronte ad una sorta di furto con destrezza, compiuto dal governo Crocetta ai danni del Comune di Gela. Oltre undici milioni di euro destinati alla riqualificazione del centro storico gelese scomparsi da qualche mese dal bilancio della Regione e destinati non sappiamo a cosa.”
La denuncia è del deputato dell’opposizione Nello Musumeci, che con una interpellanza urgente ha chiesto al presidente della Regione e all’assessore all’Economia di fare chiarezza sulla vicenda.
I fondi erano contenuti in un capitolo di bilancio alimentato dai contributi “compensativi” versati dalle Società concessionarie, coè l’Eni.
Il deputato chiede “con quale criterio il Governo della Regione abbia  ritenuto di dovere operare quello che appare come un «furto con destrezza», dirottando i fondi del capitolo di entrata n. 4746 sul quale affluivano i contributi versati dalle Società concessionarie, ed operando una scelta, in sede di Finanziaria, in aperta violazione della normativa vigente  sulla destinazione del contributo per progetti di sviluppo del territorio oggetto della concessione”.
Musumeci sottolinea come sia doveroso procedere urgentemente al ripinguamento del capitolo in questione, per consentire al Comune di Gela di potere attivare le procedure d’appalto per la esecuzione di lavori di riqualificazione urbana del centro storico di quella città. 
A fronte degli investimenti (lavori di perforazione e messa in produzione) che Eni ha  realizzato sulle  concessioni “Gela-  Giaurone” e “Gela- Agip”,   , l’U.R.I.G (Assessorato Energia) nell’approvare  il  programma lavori, con suo Decreto, ha stabilito in che 11.161.603, 25 euro era  la quota di contributo che Eni Mediterranea Idrocarburi avrebbe  versato alla Regione Siciliana  per attività svolte negli anni 2012/2013/2014; i soldi sono stati versati nel capitolo di entrata della Regione Siciliana  n° 4746. 
“Dopo parecchi incontri con i vari assessori che si sono susseguiti alla guida dell’Assessorato dell’Energia, si è dimostrato che il Comune di Gela gode della piena titolarità di richiedere all’assessore dell’Industria-Energia,  ai sensi di quanto disposto all’art.9 titolo 3° del D.A. 91, il finanziamento di progetti di carattere infrastrutturale e ambientale finalizzati allo sviluppo economico del territorio  per € 11.161.603,25”, ha detto il deputato. 
“Nel novembre del 2014  – afferma il deputato – sono stati  trasmessi all’Assessorato due progetti per un valore di €. 1.570.000,00 e, nei primi mesi  del 2015, progetti per un valore di €. 9.500.000,00,   tutti riguardanti la riqualificazione del Centro storico di Gela, in sede di discussione della Finanziaria  regionale 2016, su disposizione dell’Assessorato dell’Economia, il capitolo di entrata n. 4746 è stato svuotato di tutte le risorse,  ammontanti ad euro 15.247.186,25,  risorse dirottate verso altre destinazioni.”