Nell’industria siciliana persi 15.945 posti di lavoro. Il record a Gela e Termini Imerese. Il grido di allarme di Fiom Cgil

 Sono 15.945 i posti di lavoro persi nel 2017 nell’industria siciliana, principalmente nel settore metalmeccanico

 Questo il dato di allarme della Fiom Cgil Sicilia  al congresso regionale della categoria, che si è tenuto a Pergusa.

“Stentano i progetti di reindustrializzazione messi in campo e mi riferisco a Termini Imerese e Gela, stentano a partire con interi territori in ginocchio, né segnali positivi vengono dalle istituzioni regionali per rinforzare e rilanciare il tessuto industriale in generale” ha detto Roberto Mastrosimone, segretario generale della Fiom Cgil Sicilia

“Su 14 aree di crisi complessa in Italia due sono in Sicilia. A Gela  il piano di riconversione non decolla. In questo caso gli investimenti dell’accordo di programma quadro sono insufficienti, appena 20 milioni”