NISCEMI: 17 Settembre, conferenza stampa “FINALMENTE TEATRO”.

Si è svolta alle ore 18:00, presso la biblioteca comunale, M.Gori, la conferenza stampa “Finalmente teatro a Niscemi”, a cura del centro studi artistici di Acireale.

La conferenza ha visto l’alternarsi di interventi da parte del sindaco Francesco La Rosa, assessore spettacolo e turismo Valentina Spinello, il direttore artistico Carmelo R. Cannavò e l’attore e cantante Nunzio Bonadonna , con la presenza di un pubblico numeroso, molto attento e partecipe. 

Il centro studi artistici di Acireale, offre dal 2004 nelle provincie di Catania, Messina, Siracusa e Caltanissetta spettacoli per le famiglie, grazie alle musiche coinvolgenti, le belle canzoni dal vivo, le acrobatiche coreografie e l’interazione con il pubblico che lo rendono uno spettacolo unico nel suo genere fino a diventare col tempo la loro “formula di successo”. Nel 2012 ha vantato la collaborazione con l’Ente Teatro Pubblico Campano, con la commedia per adulti “A che servono gli uomini?”, testo di Laia Fiastri con musiche di Giorgio Gaber, con protagonista Rosa Miranda, apprezzata cantante- attrice partenopea. Allargando i propri orizzonti nel sud Italia. Nel 2015, impegnata con uno spettacolo molto importante dal titolo “23 Maggio1992”, si tratta di uno spettacolo d’impegno civile come strumento pe diffondere la cultura e la formazione civile contro la mafia, adattamento teatrale di Carmelo R.Cannavò del celebre romanzo di Luigi Garlando “Per questo mi chiamo Giovanni”, vincitore nel 2004 del “Premio di Ostia”, del “Premio dei piccoli lettori” e del “Premio città di Penne”.

La stagione teatrale inizierà il 21 Novembre e si protrarrà per i mesi successivi, presso il teatro del centro socio culturale “Totò Liardo” di Niscemi. La stagione teatrale si dividerà in due appuntamenti, “Sabati in …scena”, commedie  che comprenderanno cinque spettacoli tra cui : “l’altalena” di Nino Martoglio con Pippo Pattavina, “Due siciliani a Milano” di Carmelo R.Cannavò e Giovanna Criscuolo, “l’alba del terzo millennio” di Pietro de Silva con Cosimo Coltraro ed Emanuele Puglia , “un cannolo e nu babà” della compagnia Operettistica Nissena con Floriana Sicari e Nunzio Bonadonna e “il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello con la regia di Salvo Saitta, . Secondo appuntamento “Domeniche da favola”, dedicato ai più piccoli, costituito da tre spettacoli: Aladino, Jameela e…il Genio della Lampada, Mary Poppins 2000 e L’isola del Tesoro, a cura del centro studi artistici, tratti dai romanzi originali come “Le mille e una notte”, non si tratta di imitazioni Disney.  Si tratta di spettacoli originali, diversificati che vanno dalla commedia al musical che vedono la presenza di attori professionisti, noti in Sicilia.

Il direttore artistico Cannavò, ha incitato tutti ad andare a teatro al fine di far partire quest’iniziativa, resa più accattivante grazie alla rielaborazione di opere già note, “perché si tratta di un’offerta varia, perché il teatro ha bisogno della gente, il teatro fa“muovere il cervello”, è un momento educativo oppure semplicemente perchè “è bello andare a teatro”, ha asserito.

L’assessore allo spettacolo Valentina Spinello, ha sottolineato la fragilità di un territorio come Niscemi che non ha mai goduto della presenza di una stagione teatrale ad apprezzare questa novità, “il teatro è  un buon terapeuta, costituito da tante identità che trasmettono emozioni sia positive che negative. Mi aspetto un teatro che serva ad emozionare, che arricchisca e riequilibri gli animi degli spettatori… Dai cittadini mi aspetto la massima partecipazione ed apprezzamento”.

Articoli correlati