NISCEMI, CARLO ATTARDI: “Una politica al servizio dei giovani”.

 “Il mio obiettivo è istituire una formazione continua a tutti i giovani niscemesi, per affrontare il mondo del lavoro in un contesto globale ed europeo al fine di apportare benefici economici e sociali alla città. La mia è una politica solo per i giovani accompagnata dall’esperienza dei grandi”. Così Carlo Attardi, neo assessore gelese per il comune di Niscemi, delegato ai lavori pubblici, politiche comunitarie e rapporti con il consiglio comunale ha spiegato il suo mandato.

Un curriculum di tutto rispetto: laurea magistrale in architettura e ingegneria edile, con abilitazione in ingegneria civile ed ambientale ed esperienze di lavoro sia in Italia che all’estero. Attardi continua il percorso del suo predecessore, Massimiliano Conti.  Riguardo i lavori pubblici ci sarà il recupero di vari progetti tra cui: il museo della civiltà contadina, alcuni lavori in contrada Pilacane, la casa del volontariato per dare un posto ai volontari del Comune. Oltre a questi saranno svolti lavori di ristrutturazione della scuola Calata Fimi. Secondo quanto spiegato dall’assessore, si tratta di lavori che daranno un volto nuovo alla città di Niscemi e che risolveranno tanti problemi, grazie ai numerosi finanziamenti ottenuti dall’assemblea regionale, al lavoro dei tecnici sia esterni che interni al Comune, al lavoro costante del consiglio comunale e del sindaco La Rosa

Riguardo le politiche comunitarie, in progetto ci sarà l’apertura di “Sportello Europa”. Idea nata due anni fa in collaborazione con il collega Cona che comprenderà diversi progetti (grazie a diversi finanziamenti europei) dedicati ai giovani niscemesi che vogliono fare esperienze all’estero, con l’opportunità di un interscambio culturale. Sportello Europa permetterà agli studenti niscemesi di conoscere le città europee, e agli stranieri di conoscere le tradizioni della città di Niscemi ,favorendo gli investimenti economici al fine di portare benefici economici, sociali, e consentire uno scambio culturale tra i giovani niscemesi e quelli stranieri.  Un modo per sentirsi parte di una grande comunità che è l’ “Europa”.

Attardi, si è mostrato molto sensibile verso le problematiche della città, della classe politica e soprattutto verso le problematiche che attanagliano i giovani, affermando, “dai cittadini niscemesi mi aspetto collaborazione, non deve esserci distacco tra istituzioni e cittadini.  Per risolvere i problemi e soprattutto per contrastare l’anti-politica, bisogna dialogare e confrontarsi pur avendo idee diverse con un unico obiettivo, migliorare la città di Niscemi e soprattutto avverto la necessità di un cambiamento generazionale, credo fortemente nei giovani al fine di garantire un futuro migliore”.