NISCEMI: Federica e la sua passione per il Jazz. “Il mio è un sogno con i piedi per terra”

Federica Lipuma, cantante jazz niscemese, mostra la sua passione per il canto sin da piccola, giá dall’età di cinque anni cantando le canzoni di Giorgia, Elisa e Frank Sinatra. Grazie al supporto dei genitori, Federica inizia a studiare canto pop e altre materie teoriche che la portarono a fare le prime apparizioni in pubblico in giro per la Sicilia.

La sua prima volta é stata ad Acireale nel 2005 , durante il carnevale, al concorso “Canzoni in maschera”, dove si é aggiudicata  il primo posto con la canzone in spagnolo “muchacha de Espana”. Nel 2006 ha vinto il Festival del Golfo a Gela gareggiando con una cover di Liza Minnelli. Nel 2008 ha partecipato  al torneo TIm di musica internazionale, in coppia col maestro Francesco Cultreri, per Federica è stata un’esperienza unica in quanto vinse il primo premio in Sicilia. Nel 2007 ha interpretato  il ruolo di ancella nel musical di Marco Savatteri, “Cleopatra- l’alba si fa tramonto”, presso il  teatro Pirandello di Agrigento. Nel 2009 con la stessa compagnia , é stata protagonista del musical Chicago, nello stesso anno chiamata dal direttore artistico Lino Paturno,  ha partecipato al programma “Mille voci”. Nel 2011 trasferitasi a Roma per intraprendere i suoi studi presso il conservatorio, ha iniziato ad esibirsi con la band, nel ruolo di leader nei club jazz più importanti di Roma: MUSIC IN , CHET BAKER, CHARITY, CASA DEL JAZZ, 28 DIVINO, LIVE TONES Di Napoli e Auditorium Massimo di Roma. Nel 2014 é stata impegnata in una tournèe in Israele con una band del posto e con il musicista e fidanzato Enrico Zanisi , un’esperienza particolare. Per la giovane cantante. ” Non abbiamo avuto il tempo di provare, abbiamo trovato una certa sintonia…la particolarità del jazz è trovare sintonia tra i musicisti , se conosci la musica tutto il resto è improvvisazione e gioco di sguardi, ha detto Federica che ha sottolineato  “che è stato tutto spontaneo un fluire di emozioni e vibrazioni che arrivano dagli altri musicisti per essere tradotti in musica”. Nello stesso anno, nel novembre 20014 ha presentato a Radio 2, all’interno del programma Radio2 Social Club, condotto da Luca Barbarossa, due brani che avrebbe poi cantato in un concerto all’Auditorium Parco della musica di Roma, accompagnata da una band di otto elementi. “É stata una bella esperienza, che ha permesso di far conoscere la mia voce a livello nazionale, vorrei rifare quest’esperienza perché mi sono sentita a mio agio e ringrazio Massimo Nunzi per avermi dato quest’occasione”. 

Attualmente vive a Roma , impegnata con i suoi studi in composizione jazz riguardo la scrittura e arrangiamenti per il grande organico, con l’aiuto di insegnanti validi e preparati presso il conservatorio Santa Cecilia il più importante d’ Italia.  Federica è impegnata con vari Festival in giro per Roma con musicisti importanti tra cui: Rita Marcotulli e Fabrizio Bosso.

Per adesso il suo obiettivo è quello di terminare gli studi e non solo. Il suo più grande sogno sarebbe quello di riuscire, un giorno, a registrare un disco a suo nome  e poter viaggiare: tra le sue mete preferite Londra e Bruxelles. “Un musicista deve sempre viaggiare per trovare l’ispirazione giusta e  il proprio benessere interiore”, ha asserito. Federica. In passato ha avuto la possibilità di duettare con personaggi  di rilievo della musica pop tra cui Jenny B, “persona molto umile e preparata” come afferma Federica, e Gemelli Diversi. Inoltre le piacerebbe duettare con artisti di fama internazionale, come: Tony Bennet, Rachelle Ferrell “di lei mi colpisce molto la sua estensione vocale fatta di tante sfumature e  il modo in cui riesce a regalarmi tante emozioni ogni volta che la ascolto”. E Stevie Wonder “ ascoltando le sue canzoni è riuscito a trasmettermi quel grido e senso del ritmo indispensabile per chi vuole fare musica”.

“Il jazz – ha detto Federica- ti da la possibilità di esprimerti a pieno in modo del tutto personale, non è imitazione , è qualcosa che nasce in modo naturale dal momento in cui inizi a comporre , esprimerti e ricercare quello che sei . La cosa bella del jazz – continua la cantante – è la facoltà di poter comporre un prodotto tuo, è proprio questo che lo distingue dalla musica Pop”. “Per un musicista la cosa più importante è non porsi limiti temporali, bisogna essere autocritici e cercare sempre nuovi stimoli per migliorarsi”. Conclude Federica

51A3A520-41B8-4BCF-AB68-0DFEC2FD50DF

Articoli correlati