NISCEMI: il sindaco La Rosa occupa l’ospedale, alla difesa dei diritti fondamentali dei cittadini.

Da tre giorni il sindaco Francesco La Rosa insieme alla giunta comunale ed un gruppo di dieci persone, sta occupando il pronto soccorso dell’ospedale di Niscemi, Suor Cecilia Basarocco, sito in via Martiri di Nassirya, per opporsi alla chiusura della struttura sanitaria che si trova ad affrontare una situazione precaria. Attualmente la struttura sanitaria presenta: cinquanta posti letto, due reparti- medicina e chirurgia, carenza di personale medico e parasanitario, inadeguatezza di strutture diagnostiche, situazione che poco si addice ad un comune di trenta mila abitanti e paesi limitrofi.

 “  La città di Niscemi – ha detto il sindaco La Rosa – chiede alla provincia e alla regione Sicilia contributi per creare, un pronto soccorso autonomo, potenziamento dei reparti medicina, chirurgia, anestesia, rianimazione, dei reparti specialistici e la riapertura del  centro pediatrico”. Il primo cittadino continua ribadendo l’importanza del potenziamento di un pronto soccorso autonomo e dell’organico,  attraverso un finanziamento diretto e straordinario. “Vogliono  far morire l’ospedale – ha sottolineato il sindaco – Niscemi si trova in una zona ad alto rischio ambientale. È diritto fondamentale dei cittadini avere un pronto soccorso efficiente. Non esiste ospedale senza Pronto Soccorso,non esiste Pronto Soccorso senza Ospedale”.

Il primo cittadino conclude dicendo, “Se entro il 4 Settembre non arriveranno risposte trasferirò il mio ufficio di Gabinetto, piazzando una tenda davanti il Palazzo D’Orleans di Palermo,  per chiedere i diritti principali”.