Niscemi: Riunione dei Capigruppo per attuare soluzioni sulla crisi idrica

È stata convocata ieri 8 Agosto una seduta consiliare per discutere e riassumere le proposte riguardanti la crisi idrica su richiesta del comitato “Acqua tutti i giorni”, che sono state già comunicate SS.LL con un documento inviato in seduta consiliare del 2 Agosto.

Tali proposte possono essere recepite dal Consiglio Comunale con un provvedimento amministrativo da adottare al più presto per rispondere alle legittime richieste dei cittadini.

Le proposte presentate sono le seguenti:

Caltaqua e l’Ato idrico di Caltanissetta devono chiedere ed ottenere da Siciliacque, subito e in tempi brevi, una maggiore dotazione idrica da riservare alle utenze di Niscemi. Questo per aumentare sensibilmente i giorni di distribuzione dell’acqua!

Sfruttamento delle risorse idriche del territorio niscemese (Canale, Madonnuzza, Canalicchio, Madonna e Beneficio), previa istallazione di un potabilizzatore.

Istituzione di un’apposita Commissione consiliare d’indagine per effettuare le seguenti verifiche a carico del Gestore privato del S.I.I.:

  1. a) verifica di quanto dichiarato da Caltaqua in merito ai turni di effettiva distribuzione dell’acqua nelle 12 zone in cui è diviso il territorio comunale; tutto questo previa acquisizione dei registri dei turni effettivi dell’ultimo anno. Tale verifica è destinata ad accertare il rispetto, da parte di Caltaqua, dell’impegno prioritario di garantire un servizio continuo e regolare 24 ore su 24 (cfr par. 1.3 della Carta del S.I.I.).
  2. b) verifica sulla gestione dell’ultima emergenza registratasi nei mesi di Giugno/Luglio 2017. A tal proposito la Commissione può accertare i mezzi e gli uomini impiegati da Caltaqua nei lavori di ripristino della centrale di sollevamento Fegotto. E soprattutto i tempi in cui tale ripristino è stato assicurato. Da ricordare che in tale occasione i turni si sono dilatati eccessivamente e oltre ogni logica di previsione e capacità di sopportazione.
  3. c) accertamento della sussistenza o meno delle condizioni per proporre all’Autorità di Ambito di Caltanissetta l’applicazione dell’art. 37 della Convenzione di Gestione, cioè “la provvisoria sostituzione del GESTORE medesimo”.

Coinvolgimento della Regione Siciliana nel raggiungimento dell’obiettivo dell’erogazione continua dell’acqua nelle abitazioni di Niscemi, ottenendo dalla stessa i finanziamenti per i progetti di rifacimento e ammodernamento della rete idrica del nostro territorio.

Partecipazione di questo Comitato, con le sue professionalità, ad un tavolo tecnico con il Comune, l’Ato idrico di Caltanissetta, Caltaqua, Siciliacque, l’Assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità (Dipartimento dell’acqua e dei rifiuti).

Verifica, nei prossimi sei mesi, tramite i Vigili Urbani, dell’effettiva turnazione della distribuzione idrica nelle 12 zone dell’abitato di Niscemi. I Vigili Urbani devono accertare e attestare se l’effettiva erogazione dell’acqua nei punti di consegna delle abitazioni avviene, per tutta la giornata del turno, nei tempi dichiarati pubblicamente (La Sicilia, Rubrica “Lo dico a …”, 28//2017) da Caltaqua  (… distribuzione idrica in maniera continuativa 24 ore su 24 nel centro storico e a Poggio Placenti. Si tratta di due zone che, complessivamente, rappresentano circa il 30-40% dell’intero abitato. Per quanto concerne, invece, il resto del territorio comunale, la distribuzione avviene in media ogni tre-quattro giorni). Tale verifica è finalizzata ad accertare la veridicità di quanto affermato dal Gestore.

Articoli correlati