Nomisma e Amministrazione Comunale: politiche territoriali sull’area di crisi gelese.

Si è svolto stamattina presso il Teatro Eschilo, di Gela, un incontro rivolto ai cittadini su quelle che saranno le prossime decisioni sulle politiche territoriali. Nomisma è un ente terzo coinvolto in questa fase progettuale, ente che vuole coinvolgere i cittadini per trovare spunti, idee, per trovare scelte condivise e condivisibili. Tre i settori coinvolti, dove l’Amministrazione insieme a Nomisma interverrà: politiche industriali, politiche agricole e il tanto atteso porto. L’intenzione è quella di mettere insieme questi tre elementi per innovare il territorio gelese. È un progetto quello di Nomisma votato al cambiamento sfruttando le risorse che Gela possiede.

Luigi Scalora, capo settore delle attività produttive di Nomisma, ha parlato di un intervento temporale dispiegato in cinque mesi che vedrà il coinvolgimento non solo dell’Amministrazione ma soprattutto dei componenti del terzo settore. Si cercherà di capire attraverso l’attività di confronto quelle novità, se ci saranno, relative al territorio. Alla fine di questa attività di interlocuzione, si prevede di fare una sintesi con i risultati attesi.

Pochi gli interventi e gli intervenuti a questo primo incontro, si spera per la scarsa informazione riservata all’evento che non per la mancanza di fiducia e di interesse allo stesso. Gela è in una situazione dove ha ancora bisogno di credere in qualcuno e in qualcosa. Grande assente dell’incontro, il Presidente della Regione, Rosario Crocetta, forse spossato dalla passeggiata  mariana di qualche giorno fa.

Ci auguriamo una presenza più attiva e un informazione più attenta nei prossimi incontri previsti da qui al prossimo novembre.

Articoli correlati