Nuphalt, le buche in strada vengono pavimentate con il ‘bitume intelligente’

I primi trecento interventi sono già stati effettuati nelle periferie di Gela, adesso tocca al centro storico. Prosegue l’innovativo ripristino dell’asfalto chiamato Nuphalt, il cosiddetto “bitume intelligente”. Si tratta di una tecnologia che consiste nella rigenerazione a caldo di una pavimentazione stradale fortemente ammalorata.

L’apparecchiatura impiegata consente di effettuare rappezzi della dimensione di oltre due metri quadrati, mediante un processo di riscaldamento di circa quattro, cinque centimetri superficiali della pavimentazione portati alla temperatura di 180°C, attraverso un sistema di bruciatori a raggi infrarossi con termostato.

Dopo il processo di riscaldamento, che dura meno di dieci minuti, la pavimentazione viene miscelata sul posto con l’aggiunta di speciali prodotti bituminosi rigeneranti, in grado di modificare chimicamente e migliorare, attraverso un processo di “ringiovanimento”, le caratteristiche del bitume invecchiato. La pavimentazione viene successivamente rullata e può essere aperta al traffico entro pochi minuti.

Nel cantiere temporaneo di corso Vittorio Emanuele, questa mattina, era presente anche l’assessore comunale ai lavori pubblici Flavio Di Francesco, che ha annunciato un censimento delle buche stradali.