Occupazione femminile: Sicilia ultima delle regioni europee

L’Italia è tra le ultime 4 regioni in Europa per tasso di occupazione femminile con la Sicilia all’ultimo posto.

Nelle tabelle Eurostat, tra il 2016 e il 2017, nelle  singole regioni europee l’occupazione è aumentata, ma la Sicilia mantiene il primato negativo. Nell’isola meno di una donna su tre tra i 15 e i 64 anni che risulta occupata a fronte del 62,4% medio Ue e del 48,9% medio in Italia.

Seguono la Campania (29,4%), la Calabria (30,2%) e la Puglia (32%).

I Paesi europei con l’occupazione femminile più alta sono in Germania (76,1% medio nel Brandenburgo) e in Finlandia (80,4% nell’Aland).

In Italia Bolzano registra per l’occupazione femminile un 65,9%, dato superiore alla media dell’Unione europea.

Sebbene in Italia l’occupazione femminile sia cresciuta negli ultimi in Italia, tale aumentoè stato meno rapido che nella media europea, mentre il Sud continua ad andare indietro.

L’Italia risulta il penultimo paese in Europa per occupazione totale (58% a fronte del 67,6% medio Ue) dopo la Grecia, ma vi sono molti squilibri tra le regioni, quelle del Nord sono a livelli medi europei mentre quelle del Sud restano molto lontane.