Oggi ’m’illumino di meno’: andiamo a piedi e spegnamo le luci

Anche oggi, per il 14esimo anno consecutivo Caterpillar e Radio2 dedicano M’illumino di Meno alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare stile di vita.Dal 2005, ogni anno Caterpillar,chiede ai suoi ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono proprio indispensabili alle 18:00 di un pomeriggio di febbraio. Quest’anno è ricaduto su giorno 23 febbraio. Festeggiamo il compleanno del Protocollo di Kyoto.

Un’iniziativa simbolica e concreta quello di spegnere le luci e testimoniare il proprio interesse alle generazioni future: si spengono sempre le piazze italiane, i monumenti, la Torre di Pisa, il Colosseo, l’Arena di Verona , i palazzi simbolo dell’Italia come il Quirinale, Senato e Camera e tante case dei cittadini. Si sono spenti per M’illumino di Meno la Torre Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna. In decine di Musei si organizzano visite guidate a bassa luminosità, nelle scuole si discute di efficienza energetica, in tanti ristoranti si cena a lume di candela, in piazza si fa osservazione astronomica approfittando della riduzione dell’inquinamento luminoso.

Da quattordici anni l’efficienza energetica è diventata un tema economico rilevante e le lampadine ad incandescenza che Caterpillar invitava a cambiare con quelle a risparmio energetico, adesso, semplicemente, non esistono più. Tanti italiani hanno sul tetto di casa i pannelli fotovoltaici e tutti i governi del mondo hanno fatto altri accordi, a Parigi nel 2015, per ridurre i danni dei cambiamenti climatici.