Da oggi Stop Roaming per chi viaggia in UE

Da oggi chiamate, messaggi e consumo dati per gli italiani che intenderanno viaggiare in uno dei Paesi dell’Unione Europea costeranno come a casa.

Dopo tanti anni di attese e ritardi la cosiddetta “Rivoluzione digitale” voluta fortemente dalla Commissione Europea dal Settembre 2016 ,è arrivata a compimento per ventotto Paesi dell’Unione Europea a cui si aggiungeranno gradualmente entro Giugno Islanda, Liechestein e Norvegia.

L’abolizione dei costi del Roaming internazionale in grado di far risparmiare i consumatori e agevolare il consumo dei dati, sembra apparentemente un meccanismo facile e  automatico ma la truffa sta sempre dietro l’angolo.

In realtà l’Unione Europea ha stabilito alcune limitazioni sul consumo dei dati.  La promozione è rivolta solo a coloro che si recano all’estero per un tempo prestabilito di quattro mesi, superato il limite gli utenti pagheranno costi extra su tutti i servizi.

E’ importante evidenziare che il Roaming gratuito non è valido sulle tariffe aggiuntive che applichiamo sul nostro piano tariffario. Anche l’eventuale superamento di minuti di chiamate, sms e utilizzo dati extra costeranno di più al consumatore. Il costo stabilito dall’ UE sarà di 3,2 centesimi al minuto + Iva e per gli sms  1 centesimo + Iva.

L’abolizione dei costi extra è valida solo per le chiamate effettuate o ricevute quando si è all’estero( non è valido dall’Italia verso l’estero) solo da mobile e non da linea fissa.

Inoltre sarà compito dell’operatore telefonico informare l’utente dell’abolizione delle tariffe del roaming e sull’utilizzo corretto.