Omicidio e contatto con malavita gelese: sequestro di beni per oltre 11 milioni di Euro

Un sequestro del valore di oltre 11 milioni di euro, è stato effettuato dalla Guardia di finanza di Caltanissetta in collaborazione con i Carabinieri di Enna e e quelli di Piazza Armerina , nei confronti di Stanzù Gabriele Giacono, nato a Capizzi 57 anni fa, e di terzi congiunti.

L’operazione arriva a seguito di articolate attività investigative patrimoniali, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta. Confiscate attività economiche,  ma anche beni mobili e immobili, assicurazioni e conti correnti postali e bancari. Inoltre il sequestro ha interessato anche i congiunti, e ha riguardato anche 349 ettari di terreno, 8 fabbricati, 10 autovetture e diversi conti correnti postali e bancari. Il  valore del sequestro è equivalente ad un valore superiore a 11 milioni di euro.

Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal Tribunale di Enna. Gabriele Giacomo Corfù era già stato condannato nel 2011 a 14 anni di reclusione, deciso da Gip nell’ambito del provvedimento di omicidio aggravato dal metodo mafioso.
In particolare durante l’attività investigativa hanno assunto particolare rilievo le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, acquisite tra il giugno 2011 e il maggio 2012, da cui sono emerse i contatti che Stanzù ha avuto con cosa nostra di Enna, oltre che con la malavita gelese in particolare Emmanuello gelese, nel 1998. Tali acquisizioni hanno dimostrato la sussistenza di elementi che hanno portato ad un giudizio di pericolosità sociale dell’uomo.

Articoli correlati