Operazione antiracket Redivivi: il comune di Gela si costituirà parte civile

Si costituirà parte civile il Comune di Gela nel processo che seguirá l’operazione antiracket ‘Redivivi’. Lo ha detto il sindaco Domenico Messinese ricevendo al Palazzo di Città, questa mattina, Renzo Caponetti, presidente dell’associazione “Gaetano Giordano”, la quale ha avuto un ruolo fondamentale per le denunce che hanno fatto scattare gli arresti. “Ci congratuliamo con la magistratura e la polizia che hanno coordinato ed eseguito l’operazione – ha detto il primo cittadino di Gela – ed apprezziamo l’azione dell’associazione antiracket e degli imprenditori che, con il loro coraggio, hanno scelto di dare un segnale forte contro la criminalità organizzata”. Compiacimento è stato espresso anche dall’assessore comunale all’Agricoltura, Simone Siciliano. “Gli imprenditori – ha commentato il vice sindaco – potranno così operare liberi da costrizioni che soffocano il territorio”.

Articoli correlati