Parcheggio centro storico: disagi per i residenti. Il comitato chiede zone sosta più ampie e tariffe differenziate

Delimitazione di zone più ampie per il parcheggio nel centro storico e tariffa maggiorata man mano che ci si avvicina  dalla periferia al cuore della città. Questo quanto richiesto dal comitato centro storico che manifesta i disagi dei residenti che hanno sempre più difficoltà a trovare un posto per la loro auto. “Si parla di strisce blu, di parcheggi e di regolamenti, ma tutto è fermo specie nel centro storico dove vige il caos più assoluto e non si trova un posto nemmeno a pagarlo a peso d’oro” . Hanno detto i rappresentanti del comitato Giulio Cordaro e Giuseppe Filetti. Da quando parcheggiare all’infinito non costa nulla, in quanto interrotto il servizio delle Strisce blu,  il disagio dei residenti è diventato ancora più forte “come se l’abitare nel centro storico rappresentasse un torto da essere punito con il girovagare per le strade cittadine alla ricerca di uno spazio per lasciare il proprio autoveicolo o fermarsi solo per lasciare la spesa”. Il comitato lamenta che nel regolamento delle strisce blu non è mai stato sentito il parere dei residenti. “In un condominio di 50 famiglie per parcheggiare sotto casa gli stalli di strisce blu sono 2 al massimo 3, questo sono state le microaree partorite da menti eccelse”. Il comitato chiede anche un maggiore utilizzo del parcheggio Arena con una vigilanza attiva h24 che garantisca sicurezza non solo della struttura ma anche degli autoveicoli e soprattutto degli utenti.