Pd Gela: ripartire e ricostruire. Cammarata: quale modello di partito seguire?

Condivisione, rinnovamento, circoli, diritti, politica, cittadinanza, partecipazione, curiosità, social, network, associazioni, quartieri, parità, proposta, confronto,  ascolto, formazione, territorio. Sono queste alcune idee che cercherà di portare avanti il Partito democratico di Gela. “Ripartiamo”, è  quello che la comunità gelese del Partito Democratico si è detta il giorno dopo le elezioni amministrative. “Abbiamo capito – ha comunicato Giuseppe Cammarata, coordinatore regionale di Adesso! Italia – che in questi anni si è sofferto della mancanza del partito.  Ci hanno rimproverato che il Partito Democratico esiste soltanto al momento delle elezioni. I problemi sono tanti. Dobbiamo però sforzarci di ricostruire. Dobbiamo farlo. La nostra città non può permettersi di avere un PD disorganizzato ed assente. Il risultato elettorale ci dà la responsabilità di essere il primo partito in Città. Questa volta saremo un partito di opposizione ma le responsabilità non saranno minori”. Il partito punta sulla ricostruzione. “Per ricostruire – continua Cammarata – dobbiamo partire dalla politica. Un errore di questi anni è stato quello di pensare che si potesse fare a meno della politica. Dobbiamo fare a meno della cattiva politica e costruire una politica che riesca a tenere insieme le migliori tradizioni del nostro passato e le dinamiche di una società nuova. Mettiamo insieme curiosità e coraggio. Torniamo ad assaporare la bellezza del confronto con i cittadini, per le strade, nei quartieri, in qualsiasi luogo dove esiste un bisogno ed una idea. Diamo voce alle nuove generazioni. Iniziamo ascoltando i più giovani. Iniziamo a parlare la lingua dei nostri giorni. Apriamoci al mondo che ci circonda. Sforziamoci di immaginare un partito dinamico, presente sul territorio, attento ai bisogni e ai diritti”. Per il partito democratico si è aperta la fase che porterà alle elezioni del segretario cittadino e dell’unione comunale. “Prima di fare ciò – sottolinea Cammarata – dobbiamo avere ben presente qual è il PD che vogliamo a Gela. Cosa vogliamo dare al nostro partito? Cosa ci aspettiamo dal PD ?  Se non avremo da subito ben chiaro quale modello di PD costruire, l’elezione del segretario cittadino e degli altri organi del partito locale saranno solo una liturgia vuota di significato”.

Articoli correlati

Pd Gela: ripartire e ricostruire. Cammarata: quale modello di partito seguire?

Condivisione, rinnovamento,circoli,  diritti,  politica, cittadinanza, partecipazione, curiosità, social network, associazioni , quartieri, parità, proposta, confronto,  ascolto, formazione, territorio. Sono queste alcune idee che cercherà di portare avanti il Partito democratico di Gela. “Ripartiamo”, è  quello che la comunità gelese del Partito Democratico si è detta il giorno dopo le elezioni amministrative. “Abbiamo capito – ha comunicato Giuseppe Cammarata, coordinatore regionale di Adesso! Italia – che in questi anni si è sofferto della mancanza del partito.  Ci hanno rimproverato che il Partito Democratico esiste soltanto al momento delle elezioni. I problemi sono tanti. Dobbiamo però sforzarci di ricostruire. Dobbiamo farlo. La nostra città non può permettersi di avere un PD disorganizzato ed assente. Il risultato elettorale ci dà la responsabilità di essere il primo partito in Città. Questa volta saremo un partito di opposizione ma le responsabilità non saranno minori”. Il partito punta sulla Ricostruzione. “Per ricostruire – continua Cammarata – dobbiamo partire dalla politica. Un errore di questi anni è stato quello di pensare che si potesse fare a meno della politica. Dobbiamo fare a meno della cattiva politica e costruire una politica che riesca a tenere insieme le migliori tradizioni del nostro passato e le dinamiche di una società nuova. Mettiamo insieme curiosità e coraggio. Torniamo ad assaporare la bellezza del confronto con i cittadini, per le strade, nei quartieri, in qualsiasi luogo dove esiste un bisogno ed una idea. Diamo voce alle nuove generazioni. Iniziamo ascoltando i più giovani. Iniziamo a parlare la lingua dei nostri giorni. Apriamoci al mondo che ci circonda. Sforziamoci di immaginare un partito dinamico, presente sul territorio, attento ai bisogni e ai diritti”. Per il partito democratico si è aperta la fase che porterà alle elezioni del segretario cittadino e dell’unione comunale. “Prima di fare ciò – sottolinea Cammarata – dobbiamo avere ben presente quale è il PD che vogliamo a Gela. Cosa vogliamo dare al nostro partito? Cosa ci aspettiamo dal PD ?  Se non avremo da subito ben chiaro quale modello di PD costruire, l’elezione del segretario cittadino e degli altri organi del partito locale saranno solo una liturgia vuota di significato”.

Articoli correlati