Pet Therapy a Gela? Lavori completati, ma il centro è ancora chiuso

Doveva essere inaugurato un anno, con tanto di annunci e propaganda, il centro di Pet Therapy a Gela, invece finora nemmeno l’ombra. Eppure i lavori erano stati completati e si erano investiti 700 mila euro di fondi europei. Il centro, uno dei pochi in Italia, doveva sorgere nei locali dell’ex mattatoio, ma non si hanno avuto più notizie. Sulla questione è intervenuto più volte il portavoce della Lida, associazione animalista impegnata da anni nel territorio nella cura e nella adozioni dei tantissimi cani randagi abbandonati in città. “Con grande entusiasmo la Lida Gela aveva iniziato il primo corso per preparare gli operatori , quindi si sarebbero creati posti di lavoro e nuove prospettive anche per gli utenti di questa nuova terapia. Eravamo fieri di poter dire che Gela aveva una cosi bella struttura . Adesso ci vergogniamo nel dover ammettere che la inefficienza , la impreparazione dei nostri amministratori sia veramente inaudita”. Ha dichiarato Greco. I lavori erano  stati consegnati nel 2014, e il progetto prevede un polo sanitario con annessa la sala operatoria, oltre ad un polo didattico con sala convegni e 20 stalli per cani, inoltre spazi verdi in cui effettuare le terapie. Un centro di eccellenza, come pochi in Italia, sarebbe quello di Gela, che prevede anche l’impiego di 10 persone tra terapisti, addestratori e personale specializzato. La pet therapy risulta fondamentale nel migliorare le capacità di relazione e di comunicazione nei pazienti con disabilità comportamentali, nella  depressione, autismo, stress, disturbi neurologici, e anche per le terapie cardiocircolatorie. Accarezzare un cane abbassa la pressione.  Proprio ieri i volontari della Lida hanno effettuato degli interventi assistiti con animali ad un ragazzino affetto da autismo. Visibile l’emozione delle operatrici IAA-Pet Therapy, mentre il piccolo paziente si relazionava con il cane, quando con gli umani era assente e nervoso. Gela non può permettersi di perdere l’ennesima occasione.

Tagged with: