Picchia la zia per questioni di eredità. Arrestato giovane disoccupato gelese

Ha picchiato la zia per problemi di eredità. Protagonista un giovane disoccupato di  Gela, C.R. di di 39 anni, che ieri si è recato al Commissariato di Gela dove ha dichiarato di temere per per la propria vita per alcuni diverbi con i propri parenti per problemi legati all’eredità della defunta madre.

Contemporaneamente era arrivata una telefonata dal Pronto Soccorso dove era arrivata una donna con ferite a seguito di aggressione e per cui i medici avevano stabilito il ricovero con “prognosi riservata”.

Le informazione di C.R.  differivano da quanto successivamente accertato da attività investigativa. Grazie alle  dichiarazioni rese dai familiari della vittima e dalle immagini di video sorveglianza opportunamente acquisite, gli agenti del Commissariato hanno constatato che in effetti si era verificata una brutale aggressione ai danni di C.C. di anni 48, zia del giovane che è stato arrestato.

Dalle immagini delle telecamere si è vista la vittima avvicinarsi all’ingresso del negozio dove è avvenuta l’aggressione,  con estrema violenza tanto da ridurla priva di sensi.

Arresto domiciliari per il giovane.  Per precauzione gli agenti hanno sequestrato le armi legalmente detenute dai familiari dell’aggressore e della vittima.