“PIRAterie – riflessioni brevi di vita social”: il sociologo Francesco Pira incontra gli alunni della Verga

Il Sociologo Francesco Pira incontra gli alunni dell’istituto comprensivo ‘Giovanni Verga’, diretto dalla preside Viviana Aldisio.

Professore di comunicazione e giornalismo presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina, dove è Coordinatore Didattico del Master in “Manager della Comunicazione Pubblica” e docente di comunicazione pubblica e d’impresa presso lo IUSVE l’Università Salesiana di Venezia e Verona, Pira svolge attività di ricerca nell’ambito della sociologia dei processi culturali e comunicativi. Saggista e giornalista, è autore di numerosi articoli e pubblicazioni scientifiche.

Il libro “PIRATERIE – riflessioni brevi di vita social” ( casa editrice Medinova), raccoglie 81 articoli, pubblicati dal 17 gennaio 2017 al 16 settembre 2018, sul quotidiano “La Sicilia” in un’apposita rubrica, denominata PIRAterie, che ogni domenica si è meritata la Terza Pagina del giornale. I diritti d’autore saranno devoluti per l’acquisto di vaccini per i bambini. Si tratta di un testo che nella sua prefazione porta la firma del giornalista Antonello Piraneo, direttore del La Sicilia, il quale sottolinea “l’importanza di questo volume che rappresenta non solo la compiuta raccolta di un anno di PIRAterie, ma soprattutto il momento di sintesi di un percorso intellettuale ed umano, nel quale chi legge si sente pienamente coinvolto. Un saggio interessante ed originale per questo suo modo di porre la nostra società 2.0 e di porsi senza falsa retorica.

Francesco Pira da bucaniere «globalizzato» diviene protagonista di incursioni dell’intelletto che, con brio e un pizzico di ilarità, inducono il lettore ad interrogarsi sul suo rapporto con i mezzi di comunicazione, con gli smartphone, le applicazioni per andare insieme oltre il dato oggettivo che, supportato da solide basi teoriche, diviene occasione di una più approfondita analisi sociologica da vivere e condividere. “L’iniziativa – afferma la dirigente – rientra fra le attività curriculari di potenziamento del Dipartimento Linguistico e soprattutto offre agli alunni un importante spunto di riflessione e di reale percezione del proprio essere nativi digitali”.

Il confronto con l’autore, dopo un lavoro di lettura e confronto sugli articoli contemplati nel libro, svolto in classe, sarà l’occasione per gli alunni di interloquire e confrontarsi sul tema, in maniera critica nei confronti dell’uso delle nuove tecnologie, della rete e dei comportamenti condizionati assunti da ciascuno rispetto ad esse. L’incontro è fissato per le 10:00 di domani mattina, venerdì 1° febbraio.