Porto di Gela, le solite promesse elettorali. Comitato: strapperemo le tessere, non voteremo

Non voteremo alle prossime nazionali e depositeremo davanti il Palazzo di città le tessere elettorali. Questo quanto affermato dai membri del Comitato del Porto di Gela. Una contestazione per sottolineare come nessun rappresentante politico sia riuscito a sbloccare la situazione di stallo in cui versa il porto, nonostante le promesse di un finanziamento per restituire un minimo di dignità alla città di Gela

“Con grande rammarico notiamo ancora ad oggi che i Politici vengono a fare campagna elettorale soffermandosi sulla problematica Porto di Gela . Siamo consapevoli che dopo il 4 marzo sicuramente nessuno spenderà una parola, perché non hanno le capacità di dare le risposte giuste alla città di Gela come è sempre avvenuto.” Hanno affermato i membri del Comitato.