Premio “Emanuele Minardi” al club Nautico: giunti oltre settanta elaborati, trionfano tre studenti

Sono tre i finalisti del premio “Emanuele Minardi”, indetto nell’anno del Cinquantesimo, dal club Nautico di Gela nel ricordo del socio-fondatore Emanuele Minardi, uomo di mare per la sua grande passione.

In occasione di questa prima edizione, sono stati inviati dagli studenti delle scuole superiori della città oltre settanta eleborati.

Nenè Minardi, socio-fondatore nel 1968, fu anche ideatore e promotore di iniziative sportive legate al mare, a ricordarlo la nipote Paola Minardi per il suo immenso amore per la motonautica, l’avvio delle gare off-shore nel Golfo di Gela e per aver contribuito a diffondere in città la cultura del mare, ancora oggi grande catalizzatore del circolo velico.

Spirito gioviale e intraprendente, skipper del suo indimenticabile semicabinato “Poseidon”, con il quale si recava a Malta.

La commissione, presieduta dalla preside Flora Montana e composta da Giuseppe Orlando, Francesco Vacirca, Pino Valenti, ha decretato i tre finalisti che hanno raggiunto il podio con due scatti fotografici e un olio su tela.

Primo posto per Alice Fraglica del liceo artistico ‘Majorana’, a cui è andato il premio di 350 euro, secondo posto per Emanuele Fidone del liceo scientifico ‘Vittorini’, che ha vinto 250 euro e terzo posto per Noemi di Bernardo, altra giovane promessa del ‘Majorana’, a cui sono andati 150 euro.

Menzione speciale per il liceo classico ‘Eschilo’, grazie al cortometraggio “Le maschere del mare”, realizzato dagli alunni Giulia Giudice, Giuseppe di Benedetto, Valentina Russo e Francesco Pizzardi.

“Abbiamo valutato tantissimi eleborati – ha affermato Flora Montana – dalla fotografia alla scrittura, notando, ancora una volta, quanti talenti inespressi possiede il nostro territorio. Ringrazio vivamente quanti hanno partecipato, accogliendo lo spirito dell’iniziativa, fortemente voluta dal direttivo del circolo velico gelese”.