Presidenti in difficoltà: risultati definitivi non prima di domattina

Non si sapranno prima di domani mattina i risultati definitivi dello spoglio delle liste e dei candidati al consiglio comunale. Tanti i presidenti in difficoltà sia a causa dell’ostruzionismo da parte dei rappresentanti di lista, sia perchè totalmente cambiato il sistema di comparazione delle schede scrutinate con il numero dei votanti. Ricordiamo che ben 28 presidenti sono alla loro prima esperienza, in sostituzione dei veterani, che per il legame di parentela con  uno dei 579 candidati al consiglio comunale o degli undici candidati al sindaco, sono stati costretti a rinunciare. A questo si aggiunge che il regolamento di queste amministrative impone la verbalizzazione di voti a sindaco, per la prima volta  differenziati tra schede che contengono solo voto al candidato e quelle che contengono voti al sindaco e liste, in quanto per la prima volta, con il voto disgiunto, le liste non trascinavano più il candidato a primo cittadino. Un particolare a cui tanti presidente non hanno prestato attenzione, per cui pur  essendo passati  allo scrutinio delle liste, hanno dovuto ricominciare con quello dei sindaco nel momento della compilazione dei verbali.  Fino fino adesso il sindaco è stato scrutinato da 67 sezioni su 73, con Domenico Messinese arrivato a  7.833 voti; Angelo Fasulo 7718 voti; e Lucio Greco con 7.099 voti. Per quanto riguarda le liste il Pd è il testa, seguito da Movimento Cinque Stelle e Megafono. 
 

Articoli correlati