Prevenire incidenti su Gela-Manfria: soluzioni al vaglio di tecnici dell’Urbanistica e L.P.

La statale 115 Gela-Licata nei pressi di Montelungo, ha una percentuale di incidenti, specie quando piove, altissima. L’ultimo episodio si è verificato la scorsa notte, il quarto in appena due settimane.  Due autovetture, si sono scontrate frontalmente, e solo per puro caso nessuno dei quattro occupanti ha riportato ferite gravi, sebbene gli autoveicoli si sono distrutti. Un tratto pericolosissimo per l’alta velocità di percorrenza, la scarsa visibilità, l’intersezione con varie traiettorie, e principalmente per l’asfalto reso viscido dalle piogge. Tanti i morti su quella strada. L’ultimo il giovane Crocifisso Emmanuello. Ma alcuni giorni precedenti l’ultimo tragico incidente  la giunta municipale gelese aveva approvato una delibera per  ricercare delle soluzioni per prevenire gli incidenti stradali e rendere più sicuro quel tratto di strada così pericoloso. Le soluzioni da adottare saranno trovati dai tecnici dei settori dell’ Urbanistica e dei Lavori pubblici.  Quella più probabile è la creazione di una rotatoria. Ma non si escludono altre soluzioni. Avranno trenta giorni i tecnici per consegnare la loro relazione. Una volta scelto il tipo di intervento il Comune lo proporrà  all’Anas che ne valuterà la fattibilità e solo dopo potranno essere  reperiti i fondi. In realtà sarebbe toccato all’Anas stabilire e adottare le soluzioni, ma il gestore della rete stradale non è mai intervenuto per carenza di Fondi