Prevenire le dipendenza patologica: comune e associazioni insieme per sensibilizzare i giovani gelesi

Prevenzione e sensibilizzazione contro le dipendenza patologiche. Questa è l’obiettivo di “Estirpare l’indifferenza, facciamo crescere la vita”, progetto organizzato dall’associazione “Casa Famiglia Rosetta”,  con il patrocinio del Comune di Gela. L’iniziativa è è stata presentata stamani, presso il palazzo di Città, alla presenza del sindaco Angelo Fasulo, dell’assessore all’istruzione Giovanna Cassarà,dell’On. Giuseppe Arancio, di Placido La Rosa, dirigente del Sert,  di Ettore Fischetti, e di  Anna Arnone, Concetta Iannì e Simona Trovato, rappresentanti delle associazioni Oasi, Terra Promessa e Casa Famiglia Rosetta. Si tratta di una rete che vedrà impegnate istituzioni pubbliche e realtà del volontariato contro ogni forma di dipendenza e devianza patologica. “Da novembre è attivo in città un centro ascolto, che ci permette di monitorare ed incidere, nel fenomeno delle devianze – ha detto l’assessore Cassarà  – ci troviamo di fronte ad una battaglia sociale davanti alla quale non possiamo rimanere in silenzio e senza fare nulla. Stiamo mettendo in campo diverse iniziative, rivolte soprattutto agli studenti. Mercoledì 18 marzo si svolgerà una tavola rotonda per i giovani degli istituti superiori. Il prossimo 21 marzo, invece, tempo permettendo, promuoveremo una Marcia contro le devianze, in occasione del primo giorno di primavera». La tavola rotonda del 18 marzo si intitolerà“Giovani liberi dalle droghe per costruire il futuro” e si svolgerà a partire dalle 16.00 a Palazzo Pignatelli. Interverranno padre Vincenzo Sorce, presidente dell’Oasi, lo psicoterapeuta Umberto Nizzoli, l’assessore Giovanna Cassarà, il responsabile del Sert Placido La Rosa ed il tenente della Guardia di Finanza Mario Lanzano. Modererà Don Pino Rabita

Articoli correlati