Bonus docenti: il Miur studia il modello Gela

È finito sotto i riflettori dei media  nazionali  il “Primo istituto comprensivo” di Gela, retto dal dirigente scolastico Rosalba Marchisciana.  La ragione è l’ottimo lavoro svolto nell’assegnazione del bonus premiale di fine anno ai docenti delle tre scuole rette dal dirigente: il primo isitututo comprensivo di via Marsala, la sede di via Fuentes, e quella di Albani Roccella. 
Il primo Istituto comprensivo è stato  considerato dal Miur come scuola siciliana modello, assieme a quella di Petrosino, per il massimo coinvolgimento di tutti i docenti nella scelta dei criteri di assegnazione del bonus attraverso incontri, questionari, assemblee con la partecipazione dei genitori. Soddisfatto il dirigente che ha resto proprio protagonisti i docenti nel percorso di assegnazione. Tutti insieme a individuare i criteri. I docenti hanno compliato una scheda di  autovalutazione. E poi il dirigente ha dato la sua valutazione motivata. La maggior parte dei docenti ha accettato la sfida e il bonus è stato assegnato al 30% di essi. 
 “Non ci sono state battaglie interne, anzi il collegio dei docenti è uscito più rafforzato”. Ha detto il dirigente;. 

Articoli correlati