Pro Gela, C1 sarai anche il prossimo anno!

La seconda giornata del girone, che vede lottare la Pro Gela per la permanenza in C1, si conclude oggi con un dolce verdetto: la società nero-verde grazie alla vittoria ottenuta oggi al Pala ITIS contro la Leonforte si aggiudica il diritto di partecipare al Girone Unico di Serie C1 anche nella prossima stagione. Una partita sofferta quella andata in scena sul parquet gelese, piuttosto combattuta e con un avversario che non ha gettato mai la spugna rimanendo in partita per larghi tratti del match e mettendo in seria difficoltà i gelesi orfani dello squalificato Cinici e dell’infortunato capitan Caglià. La formazione messa in campo da mister Fecondo è piuttosto rimaneggiata facendo virtù delle risorse a disposizione: Nicoletti, Azzolina, Marchese, Brasile e di Bartolo. Proprio da quest’ultimo arriva la prima gioia, la prima rete, al 1′ minuto approfittando di un errato disimpegno difensivo e mettendo a sedere il portiere con una finta. La Pro Gela continua a tenere alle corde l’avversario e trova il raddoppio con un gol di Marchese all’11’ minuto abile a sfruttare il preciso lancio di capitan Azzolina. Al 15′ gli ospiti accorciano con Ipsale, mettendo in guardia i gelesi: la partita non è ancora finita e lo si capisce subito a inizio secondo tempo quando Ruvolo firma l’inaspettato pareggio, un 2-2 che ammutolisce per qualche istante la gremita palestra gelese e rilancia le ambizioni degli ennesi che mettono alle corde i nero-verdi approfittando anche dell’evidente calo di forma in cui incappano gli uomini del presidente Antonino Caglià. Passa però pochissimo tempo e da corner Capizzello serve la doppietta a Marchese lasciato colpevolmente solo in area di rigore. Il Leonforte prova e riprova a riaprire il match, ma si infrange sul muro eretto da Azzolina e compagni, ed i tentativi più pericolosi trovano le manone di un Nicoletti in grandissima forma. I minuti finali sono concitati, ma al triplice fischio la festa è doppia: oltre ad avere infatti ottenuto questa importantissima vittoria, grazie alla vittoria del Real Parco contro la Vigor San Cataldo la Pro Gela ottiene anche la salvezza dopo un anno tribolato e piuttosto sfortunato. 

“Ce l’abbiamo fatta soprattutto con il cuore! Oggi è stato difficilissimo soprattutto a causa della cattiva sorte: per tutto il secondo tempo non abbiamo avuto Brasile per infortunio e Di Bartolo ha stretto i denti nel finale. Non siamo arrivati proprio in un buon momento di forma perchè avevamo anche delle assenze pesanti come quella di Cinici e di Caglià, ma abbiamo vinto gettando il cuore oltre l’ostacolo rispettando quelli che sono i veri valori della nostra Pro Gela. Quest’anno non meritavamo di disputare i play-out  per come abbiamo giocato per larghi tratti del campionato, ma è andata così anche a causa della troppa leggerezza con cui abbiamo affrontato alcune squadre, ed anche a causa di qualche infortunio e qualche squalifica. Io sono convinto che noi con un elemento davvero di un certo spessore all’interno del quintetto saremo davvero in grado di disputare un campionato per ottenere la promozione in B, e questo lo dico senza alcuna presunzione, perchè sono sicuro delle qualità dei miei ragazzi. Dedica? Beh, dedico questo traguardo soprattutto al gruppo che mi è sempre stato vicino e che mi ha spronato e stimolato in alcuni delicati momenti della stagione. Una dedica va anche al presidente Antonino Caglià per i sacrifici economici che ci permettono di andare avanti e alla mia famiglia che mi ha supportato e sopportato nei momenti di maggior nervosismo causato da questa mia passione. Adesso speriamo di poter essere presenti anche nella prossima stagione, altrimenti mi prenderò un anno sabbatico, ma mi auguro di no. Forza Pro Gela!”- così un entusiasta Enzo Fecondo, quasi commosso a fine partita.

Così invece il presidente Antonino Caglià:“E’ stata una stagione da alti e bassi e si era pure messa male ad un certo punto, ma grazie al nostro gruppo siamo riusciti a risollevarci! Le tante assenze ed infotuni hanno condizionato questo finale di stagione, ma ero sicuro ci saremmo salvati per le prestazioni che mettevamo in campo. Fecondo si preoccupa per il prossimo anno? Godiamoci questa festa e fra un paio di settimane ne riparliamo, dobbiamo essere sempre ottimisti!”

A fine partita si concede a noi anche il portiere Vincenzo Nicoletti tra i migliori in campo quest’oggi contro il Leoforte con almeno quattro inteventi decisivi:“E’ la nostra vittoria, la vittoria del gruppo! Il Leonforte arrivava da quattro risultati utili consecutivi e quindi non è stato facile ottenere questi tre punti che hanno anche il valore della salvezza. Il rammarico più grande di questa stagione sono i match persi conto Argyrium, Kamarina, Marsala: non abbiamo avuto la lucidità e l’eccessiva spavalderia ci ha fatto capitolore contro squadre che sulla carta ci erano inferiori e tutto ciò ha compromesso il nostro cammino e portato a disputare i play-out che a differenza delle partite del campionato abbiamo giocato con concentrazione e da squadra supportandoci a vicenda. Ringrazio mister Fecondo per le occasioni concessemi, per avermi fatto giocare con tanta continuità, coccolandomi e motivandomi anche nei momenti in cui non ho giocato in maniera brillante. E’ la nostra vittoria, e adesso festeggiamo! Forza Pro Gela!”

Articoli correlati