Pro Gela, Caglià e Brasile abbattono lo Scicli

Pro Gela, che cuore! Con una rosa ridotta all’osso per infortuni e squalifiche, la squadra di mister Fecondo compie un’autentica impresa sconfiggendo nel gremitissimo Pala ITIS il Città di Scicli dell’ex Invincibile e si vendica della sconfitta subita nella gara di andata nel ragusano. Come un girone fa, il match si decide negli ultimi minuti di gioco, ma stavolta a vincere è la squadra di capitan Caglià, autentico mattatore della serata. Con questi tre punti la Pro Gela si proietta a ridosso della zona play-off tra lo stupore generale, considerate anche le prestazioni incolori degli ultimi tempi. 

La partita. Al minuto 9′ Caglià perde un pallone pericolisissimo che mette gli avversari in condizione di firmare il vantaggio che però dura appena 5 minuti: Brasile, dopo uno scambio con Caglià, serve un assist perfetto a quest’ultimo che firma il pareggio. Lo Scici subisce psicologicamente il gol dei gelesi: al 17′ Brasile sfiora il vantaggio; al 18′ Di Bartolo colpisce il palo da punizione; al 24′ Moscato, servito perfettamente da Capizzello, manda a lato. Lo Scicli si riavvicina pericolosamente, al 24′, alla porta difesa da Nicoletti che è abile a rifugiarsi in corner. Al 27′ Moscato, con la punta, sfiora per i gelesi il vantaggio, che arriva finalmente allo scadere del primo tempo con Brasile che sfrutta l’assist di Capizzello, abile nell’azione a liberarsi con un dribbling del rispettivo avversario e appoggiare al compagno il pallone del 2-1. Nella ripresa, lo Scicli torna alla carica e sugli sviluppi di un corner, al minuto 7′, trova il pareggio con un imprendibile tiro da fuori su cui Nicoletti non può nulla. Tra il minuto 8′ e 11′ Invincibile è autore di due grandissime parate su di Bartolo e su Caglià. Le porte in queste fase sembrano inviolabili: Nicoletti compie un miracolo su una botta ravvicinata al 16′ e Invincibile è autore di un doppio miracolo nella stessa azione prima su di Bartolo poi su Capizzello. Al 21′ di Bartolo, da fuori, fa esplodere il tiro che Invincibile non trattiene e su cui si avventa il falco Caglià. È il 3-2, è il sorpasso che fa esplodere l’ITIS! Il vantaggio, però, dura appena 3 minuti: da fuori area lo Scicli trova il 3-3, quasi insperato. Quando però tutto sembra far pensare al pareggio, al minuto 30′ Caglià estrae dal cilindro il colpo da campione: presentatosi solo davanti la porta dei ragusani, beffa il suo ex compagno di squadra con un delizioso colpo sotto che fa gioire gli spalti della palestra di Piano Notaro, rilancia le ambizioni della Pro Gela che, oltre ad avvicinarla alla salvezza, si riporta ad un solo punto dalla zona play-off.

Prossima settimana la difficile trasferta nel messinese contro la Peloritana, ci dirà quali saranno le ambizioni della società presieduta dal presidente Caglià visto che i tanti scontri diretti in programma potrebbero, in caso di vittoria dei gelesi, riproiettare la Pro Gela tra le prime cinque del girone di Serie C1.  

Articoli correlati