Pro Gela, che Carnevale ad Acireale!

Derby vittorioso per la Pro Gela contro l’Acireale. In terra etnea, all’ombra dei carri in maschera, mister Fecondo, essendo ancora alle prese con diversi problemi di formazione (nella giornata di ieri s’erano aggiunti alla lunga lista di indisponibili Capizzello e lo juniores D’Amaro) schiera il quintetto, diventato d’emergenza, composto da Ciscardi tra i pali, Caglià, Brasile, Cinici, di Bartolo. Per sopperire alla mancanza di giocatori under, giusto per fotografare al meglio la carenza di uomini nello scacchiere giallonero, mister Fecondo si ritrova in panchina il giovanissimo Nicolò Cauchi, classe 2001, alla prima esperienza in prima squadra, un riconoscimento per ciò che di buono ha fatto vedere nel campionato juniores.
La partita. Le due squadre si affrontano a viso aperto, non risparmiando alcuna forza e non limitandosi nelle manovre offensive. Al 7′ di Bartolo trova una bellissima rete con una bordata che si insacca alle spalle del portiere dei padroni di casa dopo aver colpito l’incrocio dei pali. Al 9′ la Pro Gela potrebbe anche trovare il raddoppio, ma l’urlo di gioia di Cinici si infrange sulla traversa. Al 14′ una errata copertura difensiva consente ai padroni di casa di trovare il pareggio e poco più tardi, al 21′, gli acitesi si portano in vantaggio con il 2-1. Al 25′, mister Fecondo pesca dalla panchina la mossa vincente: Azzolina, appena entrato in campo, conquista il pareggio per i gelesi sfruttando al meglio uno schema da calcio d’angolo. Nella ripresa, l’Acireale si riporta in vantaggio con un tiro da fuori. All’11, capitan Caglià segna la rete del 3-3 e, dopo il palo dei padroni di casa al 18′, Brasile approfitta di una colossale dormita della difesa etnea e serve al Caglià il pallone del 3-4 che spezza le gambe ai padroni di casa. Sei minuti più tardi, al 26′, Caglià restituisce il favore a Brasile che firma il 3-5. Solo con il portiere di movimento l’Acireale riuscirà a scardinare la retorguardia gelese, ma sarà il minuto 32 e non avrà più il tempo per recuperare. La Pro Gela, dunque, torna a sorridere dopo il terribile passo falso contro l’Ispica, e si mantiene ad un punto di distanza dai play-off, la cui ultima posizione disponibile è occupata dal Mascalucia che prossima settimana sarà proprio ospite dei gelesi tra le mura di un Pala ITIS che si preannuncia infuocato per spingere il quintetto gelese verso quell’ambita quinta posizione che potrebbe risollevare, e non poco, il morale della squadra e dare un senso a questo finale di campionato.