Pro Gela, disastro contro l’ultima in classifica

Ecco che ci risiamo! La Pro Gela, dopo le ultime ottime uscite stagionali contro Mascalucia, Regalbuto e Argyrium nelle quali è riusciuta a conquistare ben sei punti sui nove disponibili cedendo di misura solo contro la capolista, fa un passo indietro in quel di Messina contro lo Sport Club Peloritana. Il passo indietro è però piuttosto clamoroso poichè contro l’ultima in classifica gli uomini di mister Fecondo non pensavano di non essere in grado di non riuscire a raccogliere nemmeno un misero punticino. La Pro Gela si dirige nel Peloritano con tante, troppe assenze pesanti: Azzolina (che al momento è uno degli uomini più in forma) è costretto ad osservare un turno di riposo per squalifica, Marchese (che dà forfait proprio all’ultimo per un pesante attacco febbrile), Capizzello e il giovane D’Amaro. A queste aggiungete la condizione fisica non ottimale di Cinici e Invincibile che hanno giocato comunque tutto il match. Una squadra dunque rimaneggiata si presenta a Messina convinta di poter in ogni caso far punti, ma la realtà sarà un’altra: i neroverdi chiudono la prima frazione di gioco a reti inviolate sfiorando il gol in più di un’occasione, ma sempre dopo aver concesso qualche pericolosa ripartenza agli avversari. Nella ripresa al minuto 15 l’errore e l’1-0 dei padroni di casa porta soprattutto l’inaspettata firma di capitan Caglià e purtroppo per lui l’errore sarà decisivo in quanto la Pro Gela da questo momento in avanti non riuscirà più a riprendersi e saranno ancora gli avversari a trovare la via del gol per altre due volte approfittando della porta lasciata sguarnita dagli uomini di mister Fecondo che nel frattempo aveva optato per il portiere di movimento nel tentativo di recuperare lo svantaggio. “Sono molto deluso dai miei ragazzi e non trovo le parole per analizzae con cura la partita. Certo è che le assenze hanno fatto la loro parte nell’economia del match, ma non deve essere un alibi perchè abbiamo collezionato un errore dopo l’altro e soprattutto da alcuni elementi certe leggerezze non me le aspetto. Tutti bocciati, i miei ragazzi sono scesi in campo senza la voglia di conquistare i tre punti e son sicuro che, se avessimo dovuto affrontare un avversario più forte sulla carta, saremo statii in grado di giocare una grande partita nonostante le pesanti assenze. Adesso guardiamo alla prossima gara nella speranza di ritrovare i tre punti al più presto”- questa le dichiarazioni di un Fecondo visibilmente adirato a fine partita dopo il 3-0 finale. Prossima settimana al Pala ITIS arriverà il Real Futsal di Mazara del Vallo, un avversario in piena lotta per evitare i play- out e con gli stessi punti dei gelesi. Se non si dovessero ottenere i tre punti, sarebbe il disastro per Caglià & compagni.