Pro Gela, vittoria inutile: saranno play-out

Fine settimana agrodolce e sofferto per la Pro Gela impegnata nell’ultima giornata del Campionato di Serie C1 di Calcio a 5. La partita andata in scena all’ITIS è stata specchio, una sintesi di quanto fatto vedere dai gelesi in tutto l’arco della stagione. Un campionato sofferto oltremodo con grandi prestazioni sfoderate contro le grandi del campionato ed altre invece giocate incolore. Contro il Kamarina però s’è vista un’ottima Pro Gela con i soliti annosi difetti: una quantità impressionante di palle-gol non sfruttate da capitan Caglià e compagni cui si aggiungono degli errori che difficilmente perdonano i gelesi. La Pro Gela, spinta dal proprio pubblico, spinge subito sull’acceleratore e mette alle corde i ragusani, il cui portiere si trasforma in una saracinesca impedendo a Cinici e Di Bartolo di firmare il vantaggio. Quando le manovre offensive però sembrano far capitolare il portiere, intervengono come segno di un beffardo destino i legni (Di Bartolo al 17′ e Cinici al 24′) a salvare la porta avversaria. Il gol è nel’aria e arriva con capitan Caglià abile a sfruttare un errato disimpegno della difesa ragusana. Il raddoppio arriverà al 30′ con Guaia su schema da calcio di punizione, non prima però di aver visto una grandissima parata di Nicoletti al 28′ e il tiro libero mandato a lato dal pivot ragusano Alessandrà. Quest’ultimo riesce però ad accorciare le distanze ben oltre il recupero del primo tempo e così le squadre raggiungono gli spogliatoi sul 2-1. La ripresa si apre sempre con i nero-verdi a fare gioco, ma è il Kamarina a trovare prima al 15′ il pareggio ancora con Alessandrà su una disattenzione dell’estremo difensore Nicoletti e poi il vantaggio al 20′ tra l’incredultà generale del pubblico. La Pro Gela, tornata in sé dopo i cinque minuti di  defaillance, adotta la tattica del portiere di movimento e in dieci minuti ribalta il risultato prima con un bellissimo gol di Guaia e poi al 30′ ancora con Mirko Caglià. Esplode il Pala ITIS e finisce la partita. I gelesi però attedevano anche altre notizie: in virtù dello scontro diretto il Real Futsal vittorioso per 6-5 contro il Cus Palermo condonna la Pro Gela a disputare per il secondo anno consecutivo i play-out dopo una stagione travagliata e parecchio sfortunata. Adesso si attendono i nomi delle squadre che dovranno essere affrontate in questi spareggi per la salvezza, ma siamo sicuri che, se gli uomini di mister Fecondo metteranno in campo l’intesità messa oggi al Pala ITIS senza sottovalutare gli avversari, la Pro Gela potrà gridare la parola salvezza a fine campionato.

Articoli correlati