Promozione: Tuvè trascina il Macchitella; pari Atletico

Il Macchitella Calcio di mister Fausciana non sbaglia contro il Comiso, ultimo nel Girone D di Promozione. Dopo l’importante vittoria ottenuta contro il Ravanusa, i tre punti conquistati tra le mura del “Presti” consentono ai biancorossi di allontanarsi dalle sabbie mobili della zona play- out che adesso dista a 5 lunghezze. Per la truppa capitanata da Cinici G. non è stato facile trovare la via del gol sia per imprecisioni clamorose sia per l’ottima fase difensiva avversaria, ma al minuto 42 della prima frazione di gioco Tuvè (che risulterà essere il migliore del match) sfrutta un perfetto assist di Faraci e insacca alla spalle del portiere ospite. Il secondo tempo si apre subito con il brivido: i padroni di casa subiscono già al 5’ il gol del pareggio che fa ripiombare lo stadio nel silenzio. Il Macchitella però continua a giocare una buona partita senza però trovare lo spiraglio giusto fino a quando al minuto 80 Tuvè  insacca a porta vuota il 2-1. Ad arrotondare il risultato e a eliminare ogni avversaria speranza di rimonta, ci pensa Castania a tempo praticamente scaduto dopo l’incredibile gol mancato da Caruso. Grazie a questo 3-1 il Macchitella sale a quota 19 punti in classifica, allontana momentaneamente i fantasmi dei play- out e si appresta ad affrontare il derby contro l’Atletico Gela che questa settimana non va oltre l’1-1 contro una combattiva Santa Croce, quarta in classifica. La squadra del presidente Paradiso concede troppo ai ragusani e pagano a caro prezzo la disattenzione difensiva che porta in vantaggio i padroni di casa con Arena. La reazione dei giallo- rossi è veemente ma l’attenta retroguardia del Santa Croce non rischia quasi nulla. Durante il terzo minuto di recupero del primo tempo Famà ristabilisce la parità sugli sviluppi di un corner e sull’1-1 le squadre tornano negli spogliatoi. Nella ripresa l’Atletico fa la partita, ma non riesce a trovare il vantaggio. L’occasione più nitida capita sui piedi di Domicoli che però si fa ipnotizzare dall’estremo difensore ragusano. Al minuto 9’ Famà ci riprova sugli sviluppi di un corner ma in questa occasione spara alto. Il resto del match si svolge a centrocampo nell’equilibrio più assoluto fino al fischio finale. L’Atletico resta così terzo in classifica, ma perde terreno dal Licata che adesso dista 8 lunghezze e dallo Sport Club Nissa, lontano 12 punti e sempre più padrone di questo campionato.