Quando il gioco d’azzardo diventa una patologia. Istituito un centro d’ascolto a Niscemi

Nasce un centro d’ascolto, consulenza e informazione dedicato ai soggetti affetti da dipendenze patologiche e disagio sociale. Il progetto, istituito dal comune di Niscemi in collaborazione con l’associazione Casa famiglia Rosetta Onlus, l’associazione Terra Promessa Onlus e le parrocchie locali, ha  l’obiettivo di porre fine e arginare il fenomeno di dipendenze patologiche di qualsiasi genere, in particolare la ludopatia (dipendenza da gioco d’azzardo) fenomeno attualmente sempre più in crescita.

Il centro d’ascolto è stato inaugurato ieri, lunedì 15 Febbraio, presso l’auditorium del centro socio- culturale Totò Liardo con la presenza del sindaco Francesco La Rosa, l’assessore ai servizi sociali Valentina Spinello, Don Giuseppe Cafà, Don Vincenzo Sorce e il professore- psicoterapeuta Umberto Nizzoli. Nel corso dell’inaugurazione è stato sottolineato come la dipendenza da gioco d’azzardo nel nostro territorio sia un fenomeno sempre più diffuso come segnale di una società che soffre, giocando non solo alle tradizionali slot machine o Gratta e vinci ma anche utilizzando giochi sul web, dilatando il fenomeno anche tra i minori. Il centro d’ascolto ha l’obiettivo di agire insieme per sfidare la mafia al fine di salvare i più fragili.

Viviamo e cresciamo all’interno di un caos universale– ha spiegato  in termini psicologici il prof. Nizzoli- la dipendenza da gioco d’azzardo nasce da uno stato di depressione emotivo-occasionale: i soggetti sono spinti da una tensione interiore che li porta a ripetere lo stesso comportamento, diventando schiavi di esso e non riuscendo a liberarsene”. Si stima che le dipendenze patologiche come gioco d’azzardo, chat, internet e disturbi alimentari siano state riconosciute come forme di dipendenza al pari dell’uso di sostanze stupefacenti.

Il centro d’ascolto è aperto ai soggetti interessati tutti i mercoledì dalle 9:00 alle 13:00, presso il centro socio- culturale.

Per maggiori info: sportello [email protected]

Articoli correlati