Raccolta fondi per salvare un giovane malato di tumore

Scopre di avere un tumore al cervello e viene sottoposto a un intervento a Catania. Dall’esame istologico, però, il riscontro è drammatico: non c’è più nulla da fare. Nulla se non andare in America per un’operazione delicatissima e salvarsi. È questa la lotta contro il tempo che un ragazzo gelese di ventisei anni, G.B le sue iniziali, sta combattendo insieme alla famiglia e agli amici. Una vicenda balzata alle cronache dopo l’appello della comitiva del giovane gelese che si è subito mobilitata per sensibilizzare la cittadinanza ed effettuare una raccolta fondi. La cifra da raggiungere in pochissimi giorni è alta, si parla di centoquarantacinquemila euro e per farlo serve il contributo, grande o piccolo, di tutti. Le parrocchie e le associazioni sportive di Gela si sono già mosse, ma non è sufficiente. “Serve aiuto!”, come recita la locandina che i ragazzi hanno messo in giro per le vie della città e nei locali della movida gelese insieme ai salvadanai in cui sarà possibile fare la propria offerta. “Noi siamo la generazione che non si arrende – ha affermato Enrico Costanzo – siamo quelli che non accettano che si dica che non è più possibile fare qualcosa. Credo anzi che se c’è qualcuno che può avere ancora un barlume di speranza, si debba fare di tutto perché lo abbia. Ciascuno di noi ci sta mettendo la faccia per dire che abbiamo la necessità di avere il sostegno da parte di ogni singolo individuo”. Per contribuire è possibile farlo attraverso i salvadanai collocati nei supermercati o nei locali di ritrovo della città; i principali punti di raccolta sono comunque la cartolibreria Anfuso, in corso Salvatore Aldisio e l’autofficina di Francesco Di Giacomo, in via Albinoni, a pochi passi dal passaggio a livello di via Butera. È possibile contribuire anche a distanza attraverso un vaglia con i seguenti dati: Ivano Sortino, nato a Gela il 23/11/1977, via Lipari 105, codice fiscale SRTVNI77S23D960M. Dopo aver fatto il versamento, si prega di comunicare tramite sms il codice e la parola chiave, che si troverà nella ricevuta, al numero 3464932802, appartenente allo stesso Ivano. Anche le zone limitrofe aderiranno alla raccolta fondi che, tra l’altro, è già stata attivata a Niscemi e a Caltagirone. L’unione fa la forza, quindi insieme aiutiamo chi ne ha bisogno. Anche un piccolo contributo può essere grande e indispensabile. La famiglia del giovane ringrazia quanti contribuiranno.