Raccolta rifiuti a Manfria, Panebianco formula un’interrogazione per saperne di più

Un’interrogazione in relazione alle modalità di espletamento del servizio di raccolta dei rifiuti a Manfria, formulata a seguito della mancata evasione da parte del settore ecologia e ambiente di accesso agli atti. A firmarla è stata il consigliere dell’UDC Giovanni Panebianco.

Dopo aver formulato regolarmente una richiesta al settore ecologia e ambiente il 7 luglio scorso per avere accesso agli atti relativi l’esecuzione del servizio di raccolta rifiuti nella frazione balneare, Panebianco ha inoltrato un’interrogazione al sindaco Messinese e al presidente del Consiglio comunale Alessandra Ascia per conoscere le modalità di svolgimento della raccolta e dello spazzamento a Manfria, anche alla luce delle richieste di pagamento della tassa dei rifiuti da parte dell’ente comunale ai residenti.

L’interrogazione verte sulle seguenti questioni: capire se e quante volte venga eseguito il servizio di raccolta e con quali modalità, se col sistema porta a porta o a mezzo cassonetti; capire se e quante volte venga eseguito il servizio di spazzamento manuale e meccanico nella frazione, se e quante volte venga eseguita la pulizia della spiaggia e se sia stato richiesto ai residenti il pagamento della tassa sui rifiuti in misura intera o se siano state previste delle riduzioni.