Racconti e solidarietà alla Rsa Caposoprano: piccoli studenti incontrano gli anziani

Grandi emozioni tra racconti di vecchi ricordi e nuove esperienze. Oggi alla Rsa Caposoprano residence arrivati circa 70 piccoli studenti della E. Solito che hanno fatto visita agli anziani ricoverati nella struttura sanitaria a lunga degenza.

Un incontro tra due generazioni che é stata una occasione per rivivere momenti importanti della propria vita: gli anziani hanno raccontato ai bambini i momenti di vita vissuta rimasti indelebili nella loro memoria, e molti piccoli studenti hanno visto nei pazienti che hanno incontrato gli sguardi e gli abbracci dei loro nonni.

Coinvolti nella iniziativa gli studenti della quinta delle sezioni C, D e E dell’istituto retto dalla dirigente Clizia Nobile. Il progetto prevede altro incontri all’interno della Rsa Caposoprano, con protagonisti sempre i piccoli studenti.

Ideatrice dell’iniziativa, che porta il titolo “Amami”,  é stata l’animatrice Loredana Venosi, instancabile organizzatrice delle attività ricreativa dei pazienti ricoverati nella struttura. Da sempre ispirata dalle sue forte fede e dalle esperienze personali Loredana riesce a coinvolgere i pazienti che diventano creativi.

Nel progetto Amami ogni bambino adotterà affettivamente un anziano, e con lui si rapporterà per una ricchezza reciproca. Per l’occasione sono stati preparati dei dolci che sono stati offerti agli studenti, dietro una piccola donazione in denaro. Il ricavato verrà elargito ai bambini bisognosi della città.