Resto al sud: presentazione oggi alla Pinacoteca. Finanziamenti per giovani imprenditori. Come fare domanda?

Sarà presentato oggi pomeriggio, presso la Pinacoteca comunale di viale Mediterraneo, il bando Resto al Sud, che darà l’oppurtunità ai giovani di rimanere nella propria terra e creare una impresa.

L’incontro, che avrà inizio alle ore 17:00, è stato organizzato dal Comune di Gela in collaborazione con l’ Ente – Settore Agenda Urbana e Risorse Comunitarie. Interverranno l’architetto Tonino Collura, il presidente del consiglio comunale Alessandra Ascia, il vicesindaco Simone Siciliano e il sindaco Domenico Messinese.

Dal 15 gennaio 2018 sarà possibile presentare le domande per accedere agli incentivi della misura Resto al Sud. Per beneficare del contributo le imprese dovranno raggiungere un punteggio minimo di 12 punti.

Con la circolare n. 33/2017, emanata dal Dipartimento per le Politiche di Coesione presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, sono state, inoltre, definite le modalità di funzionamento degli incentivi rivolti ai giovani, fino a 35 anni, che vogliono avviare un’attività imprenditoriale nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Cosa vengono finanziati?
-Interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili – massimo 30% del programma di spesa
-macchinari, impianti e attrezzature nuovi
-programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la telecomunicazione (TIC)
-altre spese utili all’avvio dell’attività (materie prime, materiali di consumo, utenze e canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) – massimo 20% del programma di spesa.
Non sono ammissibili le spese di progettazione, le consulenze e quelle relative al costo del personale dipendente.

Le agevolazioni:
consistono in un finanziamento a copertura del 100% delle spese, articolato in:

-un contributo a fondo perduto fino al 35% del programma di spesa
-un finanziamento bancario, del 65%, concesso da un istituto di credito aderente alla convenzione tra Invitalia e ABI, garantito dal Fondo di garanzia per le PMI.
Il finanziamento bancario deve essere restituito in 8 anni e beneficia di un contributo in conto interessi che copre integralmente gli interessi del finanziamento.

Come presentare la domanda?
Dalle ore 12:00 del 25 gennaio sarà possibile presentare le domande esclusivamente online sul sito www.invitalia.it E’ necessario registrarsi sulla piattaforma dedicata, disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta certificata (PEC).

La domanda è costituita dal progetto imprenditoriale da compilare online e dalla documentazione da allegare, con la modulistica presente sul sito. Le domande vengono valutate in ordine cronologico di arrivo entro 60 giorni dalla data di presentazione.

Come vengono valutate le domande di partecipazione?
La valutazione delle domande avviene entro 2 mesi dall’invio della domanda e prevede una valutazione del possesso dei requisiti di accesso al bando, ed una valutazione di merito del progetto stesso. I criteri che vengono presi in considerazione per l’esame di merito riguardano sia le effettive capacità e competenze dei soggetti proponenti all’interno settore di riferimento, sia le potenzialità del mercato. Vengono valutate, inoltre, le strategie commerciali e di marketing proposte, la sostenibilità economico-finanziaria della tua iniziativa, la coerenza del progetto dal punto di vista dell’organizzazione e dei processi tecnici e produttivi e, non da ultimi, il possesso dei requisiti di accesso al Fondo di Garanzia per le PMI.