Rifilava monete false ai clienti: arrestato gelese a Niscemi

Rifilava banconote false ai clienti della pescheria per la quale lavorava. Per tale motivo gli agenti del commissariato di Niscemi hanno arrestato stamani il gelese Tommaso Fusco, di 37 anni, che deve rispondere del reato di falsificazione e spendita di monete false. In particolare ieri mattina un anziano pensionato si è  presentato agli Uffici del Commissariato niscemese, presentando agli agenti una banconota da 50 euro palesemente falsa. L’anziano ha raccontato che poco prima, si era recato  nella pescheria dell’arrestato, che si trova nei pressi della piazza principale di Niscemi, per acquistare del pesce, consegnando al venditore una banconota da 50 euro per saldare il conto di poco più di 13 euro. A quel punto, il gestore della pescheria, non avendo resto da dargli, con la scusa di cambiare la banconota, si è allontanato dal negozio, poi poi ritornare, dopo qualche minuto, scusandosi con l’anziano cliente per non essere riuscito a scambiare le 50 euro. Il gestore della pescheria ha nche tranquillizzato il cliente dicendogli che poteva portare con sè il pesce acquistato, dandogli la possibilità di pagare successivamente dopo aver cambiato lui stesso la banconota. L’anziano allora di è recato in una farmacia per cambiare la banconota da 50 euro, e lì ha appreso dopo gli opportuni controlli da parte del farmacista, che la banconota era falsa.
 
 A questo punto, gli agenti della squadra investigativa del Commissariato di Niscemi, sentita la narrazione dei fatti e raccolte le necessarie informazioni, si sono recati nei pressi della pescheria in questione per eseguire una perquisizione locale e personale che ha dato  esito positivo. Infatti, nella tasca dei pantaloni indossata dal giovane gelese, titolare della pescheria,  il personale operante  ha ritrovato 4 banconote del taglio di 50 euro palesemente false, tutte recanti lo stesso numero di serie, per altro, uguale al numero di serie riportato sulla banconota consegnata dall’anziano pensionato agli agenti.