Rifiuti: operari gelesi ancora a Piazza Armerina. Da sette mesi a Gela non spazza più nessuno

Sono una decina i lavoratori gelesi della Tekra che continuano a lavorare a Piazza Armerina.

Da quando il servizio di spazzamento delle strade è stato interrotto per la città di Gela, nonostante sia previsto nel capitolato di appalto, i lavoratori continuano a viaggiare per la città dei mosaici.

Cinque sono stati trasferiti, altri cinque sono in trasferta, per cui una volta rientrati ne partiranno altrettanti.

Con l’interruzione del servizio di spazzamento, avvenuto nel marzo scorso, la città è diventata molto più sporca.

Niente  isole ecologiche, niente raccolta dei rifiuti ingombranti, niente spazzamento. Da mesi la città vive in uno stato di degrado. E a farne le spese, oltre agli operai di Tekra, sono i cittadini.

Il tutto è iniziato con i circa 10 milioni di euro di debiti che il comune di Gela ha accumulato con Tekra