Rischiavano di morire annegati o di fame, VITA randagia recupera cuccioli abbandonati: “Adesso abbiamo bisogno di voi”

Rischiavano di morire annegati con le prime piogge o di fame, dimenticati dal mondo.

Sarebbe stato questo il crudele destino di alcuni cuccioli e di un barboncino anziano, recuperati in un fosso dai volontari di VITA randagia onlus. L’ennesimo abbandono da parte di chi non si cura di loro e li lascia come se fossero oggetti. Uno di questi, il barboncino, è chippato, ma i proprietari, una volta rintracciati, hanno detto di averlo ceduto cinque anni fa.

I volontari li hanno salvati, ma ancora una volta sono rimasti soli. Servono, come sempre, crocchette puppy, vaccini e cure per il cane più anziano. Con un euro a testa, i gelesi potrebbero davvero cambiare il destino di questi cagnolini e di altri trovatelli come loro. Un euro, un caffè in meno al giorno. Che sforzo sarebbe? Non siate indifferenti e donate.

È possibile fare avere direttamente le crocchette per i cuccioli, contattare l’associazione per sapere meglio che cos’altro serva con urgenza oppure, ancora, fare una donazione all’iban IT85N0200883332000104870968, intestato a VOLONTARI ITALIANI TUTELA ANIMALI RANDAGIA.

“Al solito – scrivono coloro che hanno recuperati i cani – ci siamo messi in una situazione estremamente più grande di noi, pur di recuperarli. Abbiamo bisogno di voi per affrontare queste spese, che si vanno ad aggiungere alle altre a cui non siamo ancora riusciti a far fronte”.