Rsa Caposoprano: dipendenti ancora senza stipendio, nell’indifferenza del consiglio comunale. Interviene la Cisl fp

Nessuna attenzione da parte del del consiglio comunale è stata finora ricevuta per il mancato pagamento degli stipendi dei dipendenti della  Rsa  Caposoprano Residence di Gela, nonostante una nota spedtia il 31 marzo scorso. Questo quanto sottolineato dal segretario generale del sindacato Cisl Fp, Gianfranco di Maria. Il sindacato si rivolge con una lettera la presidene del consiglio comunale Alessandra Ascia, su una questione che continua a porrte disagio ali lavoratori, medici, paramedici, animatori, Osa e pesonale amministrativo della struttura sanitaria a lungodegenza.  “Ribadiamo – affema Di Maria –  la convinzione che la questione non è solo di carattere sindacale. Essa, a nostro modesto parere, è e rappresenta  un problema «sociale», in quanto, i fruitori della servizio, in primis i cittadini del territorio comunale, potrebbero vedere interrompere le prestazioni a causa del persistere della mancanza di risorse economiche derivanti dai mancati introiti a fronte delle prestazioni rese dalla struttura”. Il sindacato sottolinea che oltre all’aspetto sociale vi sia anche una  “micro economia” che interessa il territorio. “Gli stipendi pagati al personale della RSA, di certo, – sottolinea il sindacalista –  vengono spesi nel territorio e creano, di fatto, un «indotto» E, per «indotto» intendiamo che tali risorse contribuiscono a fare girare l’economia delle piccole e medie imprese del Territorio (panifici, supermercati, bar, pizzerie, negozi vari ecc. ecc.)  e magari a creare qualche posto di lavoro. Fattori, quelli espressi, che non possono non essere valutati nella giusta misura dalla governance comunale”. Il sindacato, che sta rappresentando i quaranta dipendenti della struttura che nel frattempo continua a garantire le prestazini sanitarie, chiede al presidente Ascia,  un incontro urgente, al fine di rappresentare in presenza  le ragioni dei lavoratorin e  trovare  una soluzione sinergica che ponga termine alla questione, esollevi i lavoratori dalla grave angoscia, relativa al futuro loro e delle loro famiglie . Finora nessun incontro è stato effettuato tra il sindacato, il presidente del consiglio comunale Ascia, e i capigruppo consiliari sulla questione Rsa.