LA SALVIA, L’ERBA CHE CI SALVA!

Salvia: dal latino salvus, ha la stessa radice del verbo salvare e della parola salus (salvezza, ma anche salute). Gli antichi Romani raccoglievano la salvia seguendo rituali particolari: senza l’utilizzo di oggetti in ferro, in tunica bianca e con i piedi scalzi e ben lavati. Nel Medioevo la salvia era consigliata per aromatizzare i cibi, per proteggere gli indumenti e i tessuti dalle tarme, combattere la malinconia e la paralisi e decongestionare il fegato. Nel Rinascimento si usava la salvia per curare i polmoni e le ferite, contro i dolori mestruali e la sterilità, per la bellezza dei capelli, come digestivo, tonico, stimolante e astringente. Benefici che ancora oggi si riconoscono a questa pianta.

Oggi dedichiamo la nostra rubrica Gli Alleati del Benessere ad una delle piante aromatiche più note e apprezzate. La salvia infatti, è molto utilizzata in cucina, ma è anche alleata della salute grazie alle sue proprietà benefiche conosciute fin dall’antichità. La salvia è conosciuta perché esalta il gusto di molte ricette ma, non tutti sanno che migliora la digestione ed è anche un toccasana per le vie respiratorie e urinarie, per la pelle e l’intestino. Inoltre la salvia è preziosa per la salute delle donne: tra le sue qualità c’è quella di essere “ormonosimile”, di svolgere cioè azioni analoghe ad alcuni ormoni, in particolare gli estrogeni. La salvia è un’alleata del benessere delle donne in quanto allevia molti disturbi femminili tra cui dolori mestruali, ciclo irregolare e sindrome premestruale. Essa si trova in vari integratori per i disturbi della menopausa, in particolare le vampate, grazie alla sua efficacia contro l’eccessiva sudorazione. La salvia ha proprietà depurative, stimola la diuresi e le funzioni del fegato depurando l’organismo. E’ un ottimo aiuto anche in caso di cistiti, infezioni, artrite e reumatismi. Contrasta la stanchezza perché è utile come tonico fisico e mentale. Strofinare una foglia di salvia fresca sui denti è un rimedio antico ma efficace per pulirli e sbiancarli in modo naturale.

 

CONTROINDICAZIONI: La salvia interagisce con alcuni farmaci potenziandone l’azione: sedativi, ipoglicemizzanti, anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici. E’ da evitare nei primi mesi di gravidanza perché può provocare contrazioni e durante l’allattamento perché riduce la produzione del latte.

CURIOSITA’: Per gli Indiani d’America la salvia era l’”Erba dello Spirito” mentre gli antichi Romani le attribuivano la capacità di guarire i morsi dei serpenti